...

Valutazione Posturale

by aipac-emilia-romagna

on

Report

Category:

Sports

Download: 0

Comment: 0

6,392

views

Comments

Description

Presentazione di Riccardo Tumiati sul ruolo della valutazione posturale nella prevenzione degli infortuni nello sport durante la serata di aggiornamento dell'AIPAC Emilia Romagna del 13-12-2010
Download Valutazione Posturale

Transcript

  • 1. La valutazione posturale del calciatore Riccardo Tumiati Preparatore Atletico AC Fiorano Calcio – Tecnico di riequilibrio posturale ad approccio globale –
  • 2. La postura Posizione del corpo nello spazio e la relazione spaziale tra i segmenti scheletrici, il cui fine è il mantenimento dell’equilibrio (Kendall) La valutazione della postura avviene pertanto tramite la rilevazione della capacità di mantenere l’equilibrio nello spazio (Riva,1998)
  • 3.
    • La nostra postura è l'espressione della nostra storia“
    • ..." la postura è espressione di un vissuto ereditato , di un vissuto personale , della f ormazione e deformazione culturale , di memorie dei propri traumi fisici ed emotivi (cisti emotive), del tipo di vita e di stress che conduciamo, del tipo di lavoro e di sport a cui ci siamo assoggettati nel tempo; (Raggi 2001)
  • 4. Equilibrio: Condizione in cui il corpo è in grado di mantenere l’ortostatismo in condizioni statiche o durante la preparazione e l’esecuzione di un movimento volontario (Sveistrup 2001) Da chi è presieduto? Fondamentale non è la capacità di conservare l’equilibrio ma di saperlo riacquistare rapidamente ogni qualvolta venga perso (Riva,2000) Determinante del sistema : Componente cordinativa tonico-posturale COP COM
  • 5.
    • La stabilità:
    • capacità del corpo nel mantenere l’ortostatismo nel tempo
    Influenzata da: Ampiezza e forma superfici d’appoggio Posizione del Cop rispetto al centro della superficie d’appoggio Distanza dal baricentro alla supercie d’appoggio
  • 6.  
  • 7.
    • Assenza di algie
    • Economia energetica
    • Sopravvivenza
    Azioni e reazioni del corpo: Le catene muscolari
  • 8. Da cosa viene condizionata la postura?
    • Occhi (disturbi della convergenza)
    • Sistema buccale (lingua, deglutizione, denti, mandibola)
    • Disturbi vestibolari
    • Condizioni Ansioso / depressive
    • Traumi o lesioni
    • Cicatrici
    • Problematiche viscerali
    • Atteggiamenti o vizi posturali
    • Il sistema fasciale e connettivale fa sì che le catene muscolari vengano orgarganizzate in una rete di catene ;
    • per questa ragione una tensione anomala che nasce in un punto qualsiasi di una catena è in grado di muoversi e spostarsi da un estremo all’altro della stessa ed è in grado di entrare in ogni altra catena attraverso punti d’intersezione, al fine di rispondere a esigenze funzionali, antalgiche ed economiche (Raggi).
    Laddove si manifesta l’effetto (dolore o limitazione funzionale), non si trova la causa ; (Mezieres)
  • 9. Postura, equilibrio e stabilità: la letteratura scientifica
    • Se l ’equilibrio non è ottimale, Forza e Potenza diminuiscono (Behm et al.,2004 JSCR)
    • Strategie di controllo, valutazione e allenamento dell’instabilità (Riva 1998); stabilità ed e quilibrio sono integrati ed identificano la capacità di un sistema a mantenere la posizione eretta in fase statica o nella preparazione di un movimento volontario, determinata da un continuo adattamento Tonico-Posturale-Cordinativo ; infatti ciò che è fondamentale è la capacità di riacquistare l’equilibrio , ogni qual volta il soggetto lo dovesse perdere (Sveistrup 2001).
    • Diverse strategie per mantenere l’equilibrio in situazione di appoggio monopodalico:propriocettiva visiva, vestibolare e di compenso tramite arti superiori (Riva 2000, Riva Soardo, Kratter 1998).
    • La propriocettiva visiva consente un controllo posturale più raffinato , tipico nello sport top level “il sistema prettamente utilizzato nello sport nel gestire il disequilibrio è visivo-propriocettivo, in quanto testa e tronco sono particolarmente fermi e annullano l’attività vestibolare”, (Riva 2000).
    • La strategia di compenso con arti superiori , viene utilizzata quando il sistema propriocettivo-visivo non è particolarmente efficiente (Riva, 2000)
    • Il massimo flusso di segnali propriocettiv i, avviene in appoggio monopodalico e le risposte muscolari devono rispondere alla massima frequenza, con un gioco di microcontrazioni di agonisti/antagonisti per assicurare la verticale; la massima attivazione propriocettiva avviene quando si gestisce il corpo come un sistema rigido, con un unico punto di snodo a livello della tibio tarsica (Riva 2000; Riva, Trevisson,2000).
    • Valutazione dell’equilibrio unilaterale come indice della suscettibilità agli infortuni della tibio- tarsica ; valutazione eseguita ad inizio stagione rapportata al n. di infortuni registrati. Da quest’analisi emerge che chi aveva un punteggio peggiore pre attività ha un alto rischio di d istorsione della tibio tarsica . (McGuine et al.2000)
  • 10. Attuali tendenze “ la postura è espressione di un vissuto ereditato, di un vissuto personale, della formazione e deformazione culturale, di memorie dei propri traumi fisici ed emotivi …."(Raggi 2001) Da non dimenticare :
    • Performance enhacement and oral appliances –Rotterger M. –Comped.Contin.Dent.2009 Jun-Sep
    • An investigation into explosive force variant using occlusal bite- Manfredi M.- Progr.Orthod.2009; 10(2):54-64
    • The relationship between the stomatognathics system and body posture. Cuccia A. Clinics 2009
    • Contributions of delayed visual feedback an cognitive task load to postural dinamics – Yeh TT; NeuroSci Lett. 2010 Sept.
    • The effect stance control orthoses an gait characteristic and energy expenditure in knee-ankle foot ortosis users – Davis PC; Prosmet Orthot Int.2010 Jun.
    • The influence of occluiosion on spoprting performance. Lai V; Minerva Stomatol.2004 Jan.Feb.
    • Maximal isometric bite force and sports. Sannajust – Rev Stomatolology Clin.Maxil.2001 Jun.
    • The effect of foot orthotics an miolelctrical fatigue in the vastus lateralis during a simulated skiers sqaut. Vamicek –J.Elect.Kinesiol. 2004 Dec.
    • Lateralized effects of had and eye an anticipatory posturalv adjustments in visually guided aining movements.Ysilati-NeuroSci Lett.; 2009 Sept.
    • Head and nek position sense. Armstrong B. ; Sports Med 2008; 38(2)
  • 11. Il compenso : strategia intelligente che il corpo usa di fronte ad un limite o a un dolore ; se una zona , area, a rticolazione non può essere utilizzata (per dolore, rigidità o blocco antalgico), cercherà di sopperire con u n’iperfunzione in un altro settore. ogni compenso attuato, nel tentativo di risolvere un problema nel presente, causerà inevitabilmente un’alterazione posturale e un problema nel futuro . (Raggi,4/2009,90 Scienza e Sport) La postura ed i sistemi di compenso
  • 12. La postura del calciatore
    • Dall’ osservazione posturale , si osserva un ginocchio varo (caratteristica più significativa e tipica),
    • L’atteggiamento in Varo del ginocchio , ha delle ripercussioni su tutto l’asse inferiore , anca, caviglia e piede,
    • In alcuni casi , l’atteggiamento valgo del piede , può compensare un ginocchio varo (B.Bricot)
    • I calciatori presentano un baricentro avanzato rispetto ai riferimenti, inoltre l’allenamento svolto , indipendentemente dalla tipologia (Marella e coll.), tende ad accentuare l’atteggiamento posturale, tipico del calciatore
    • Pertanto l’allenamento rende maggiormente “rigido” il sistema ed il controllo posturale .
  • 13. Compensi tipici del calciatore
    • Per mezzo delle catene muscolari, si ottengono dei compensi tipici, soprattutto in situazione di eccessiva retrazione degli ischio-tibiali.
    • Lo sviluppo della muscolatura flessoria, avviene in molti casi come modalità di compenso ad una inefficiente muscolatura estensoria,
    • A livello distale degli ischio-tibiali : si ottiene una semiflessione del ginocchio , per dare maggiore stabilità a questo,
    • A livello prossimale degli ischio-tibiali : viene abbassata la tuberosità ischiatica e si sposta indietro l’ala iliaca
  • 14. Postura e compensi del calciatore nel lungo periodo
    • Le relazioni che vengono ad instaurarsi nel tempo , tra le alterazioni generate dai sistemi di compenso utilizzati e le catene muscolari presenti nelle vicinanze anatomiche:
    Frequenti algie a carico :
  • 15. Perché effettuare una valutazione posturale?
    • Rilevare la situazione posturale dell’atleta e del gruppo: atteggiamento posturale , storia traumatica , stato emotivo .
    • Determinazione del rischio di trauma da sovraccarico funzionale
    • Monitorare nel tempo atteggiamenti ritenuti a rischio per la salute e per la performance dell’atleta
    • Trovare la causa di una disfunzione o alterazione l imitante l’attività sportiva
    • Ottimizzare la metodologia dell’allenamento applicata al gruppo
  • 16. Modalità d’analisi: Osservazione posturale Scopo della valutazione : analisi sui piani (frontale/sagitale) secondo Barrè degli allineamenti posturali ed eventuali alterazioni rilevabili a livello muscolo-scheletrico- Modalità di esecuzione : mantenimento dell’ortostatismo a base stretta (alluci, malleoli, ginocchia a contatto)
  • 17. Modalità d’analisi: Rilevazione del COP Modalità d’esecuzione : L’atleta si posiziona su una pedana a sensori capacitivi (50cm x 50cm), deve mantenere la sua posizione comoda in ortostatismo.
    • Parametri utili per l’interpretazione :
    • Area del gomitolo: scostamenti A/P –M/L
    • posizionamento della postura dell’atleta sul piano frontale A/P
    • Posizionamento della postura dell’atleta sul Piano sagittale M/L
    • Aree di ipercarico e ipocarico e superfici d’appoggio
    • % di distribuzione del peso corporeo tra i 2 arti
    • Angolo di progressione ( angolo che si crea tra la linea di avanzamento ed il centro del tallone).
    • Larghezza delle superfici d’appoggio (rispetto alla linea di progressione)
    Scopo della valutazione : rilevazione delle superfici d’appoggio (forma del piede);comparazione tra le superfici d’appoggio, delle aree di iper e ipo carico
  • 18. Scopo della valutazione: Rilevazione della capacità di mantenere o ripristinare l’equilibrio in situazione dinamica bipodalica e monopodalica e comparazione tra i 2 arti.
    • Perimetro
    • Posizionamento A/P
    • Posizionamento M/L
    • Velocità angolare di movimento della tavoletta
    • Strategie di compenso utilizzate
    Parametri Utili per l’interpretazione della prova: Modalità d’analisi: Rilevazione del COM tramite sistema viso-propriocettivo Esecuzione tecnica : atleta si posiziona davanti ad un monitor, mantenendosi in equilibrio su tavoletta instabile . Il controllo e gestione dell’equilibrio avviene prettamente dal continuo feed-back visivo-propriocettivo
  • 19. Modalità d’Analisi: Rilevazione del Cop durante esercitazione specifica (monopodalico) Esercitazione specifica: Viene richiesto all’atleta di eseguire un Affondo in appoggio monopodalico, richiedendo di esprimere una contrazione isometrica massimale per 10 secondi Utilità: rilevazione delle superfici d’appoggio, delle aree di ipo e ipercarico durante situazione specifica
    • Parametri utili per l’interpretazione della prova:
    • Larghezza, altezza dell’elisse (mm)
    • Angolo dell’elisse (gradi)
    • Area elisse (mm)
    • Lunghezza totale traccia Cop (mm)
    • Forza (N) avampiede
    • Forza (N) retropiede
  • 20. Comparazione del Cop dei 2 segmenti corporei:
    • Interpretazione e comparazione della prova:
    • Le superfici d’appoggio (forma dell’appoggio) sono uguali?
    • Le eventuali aree di ipo e ipercarico sono simmetriche
    • Il Cop è simmetrico tra le 2 superfici d’appoggio?
    • Lunghezza totale Cop è simmetrica tra le 2 superfici d’appoggio?
    • Le Forze espresse sono simmetriche (avampiede )?
  • 21. Modalità d’analisi: Rilevazione delle fasi d’appoggio durante esercitazione specifica Esercitazione specifica: Viene richiesto all’atleta di correre su tappeto ad una velocità costante. Il tappeto a sensori capacitivi permette di rilevare i medesimi parametri rilevati in situazioni statica, inoltre permette di comparare in maniera più dettagliata la situazione dinamica Utilità: rilevazione della qualità di corsa ed eventuali assimetria
    • Parametri utili per l’interpretazione della prova:
    • Linea supporto singolo (mm)
    • Pressione massima (N/cm2)
    • Forza media % (N)
    • Rotazione piede (deg)
    • Rilevazione e comparazione del COP
  • 22. Indagini e progetti di studio: la postura del calciatore
    • Indagine baropodometrica (COP) (analisi del gomitolo e forme d’appoggio) Stagione agonistica 2006/2007, indagati 32 calciatori dilettanti (cat.eccellenza); in cui si evince che la stabilità del sistema è di grado elevato in tutti gli sportivi esaminati ma le superfici d’appoggio relative ai 2 piedi (con relativa analisi delle aree di ipo ed iper carico), sono risultate diverse nel (89%) degli esaminati. A conferma di una evidenza di difficoltà nel mantenimento della stabilità e la gestione simmetrica del carico .
    • Indagine baropodometrica ( COP)( statica e dinamica del passo), stagione sportiva 2007/2008 Virtus Pavullese S.G., analizzati 21 ragazzi cat.Allievi Reg.; si conferma la differenza della superficie d’appoggio (92%), aree di ipo e iper carico in giovani atleti.
    • Analisi posturale osservazione con riferimenti di Barrè; analizzati 28 atleti dilettanti (2 cat. alla promozione); l’alterazione posturale che raggruppa tutti gli sportivi ( 100%) è la presenza di Alluce valgo . Da valutare se determinato dalla richiesta di stabilità del corpo in situazioni d’instabilità o determinato dalle calzature.
    • Analisi dell’equilibrio posturale dinamico (COM) e relazione con il tempo di gioco e gli infortuni ; indagine effettuata nel gruppo Giovanissimi Prof.Spal stagione 2009/2010. In cui si evince che i giovani atleti che non hanno assimetria di equilibrio (34%), sono coloro che disputano più minuti di gioco in gare ufficiali ed hanno un numero totale di infortuni inferiore del ( 50%) rispetto gli atleti con assimetria di equilibrio dinamico
    • Monitoraggio delle differenze di simmetria del carico tra statica e dinamica(COP) durante esercitazione specifica ; indagine attualmente in corso, applicata sul gruppo Virtus Pavullese 2010-2011; obiettivo è il monitoraggio delle relazioni posturali statiche, rilevate tramite (COP) con la situazione dinamica.
  • 23. Conclusioni
    • I calciatori hanno un modello posturale specifico, difficilmente identificabile e standardizzabile
    • La valutazione posturale può essere un metodo valido per conoscere al meglio il gruppo squadra da tutti i punti di vista (atteggiamenti posturali, traumi, ecc.)
    • Una attenta e accurata valutazione posturale permette di adattare le modalità e metodologie di lavoro ottimali, al fine di mantenere la SALUTE degli atleti sempre a livelli assoluti
  • 24. grazie per l’attenzione!! www.preparazione-atletica.it
Fly UP