System is processing data
Please download to view
...

Rimodulazione delle reti assistenziali, delle strutture complesse ospedaliere e rilancio del territorio

by alessio-del-sarto

on

Report

Category:

Healthcare

Download: 0

Comment: 0

932

views

Comments

Description

Rimodulazione delle reti assistenziali, delle strutture complesse ospedaliere e rilancio del territorio
Download Rimodulazione delle reti assistenziali, delle strutture complesse ospedaliere e rilancio del territorio

Transcript

  • 1. Rimodulazione delle reti assistenziali, delle strutture complesse ospedaliere e rilancio del territorio Direzione Sanità
  • 2. Volumi di attività anno 2013 Ricoveri totali 676.848 Ricoveri in urgenza 242.438 Passaggi in Pronto Soccorso 1.768.800 Codici bianchi e verdi 1.601.335 (90.53%) Direzione Sanità 2 Di cosa stiamo parlando?
  • 3. Rimodulare le reti: una opportunità Direzione Sanità 3 Se cambia una….si muovono tutte!
  • 4. Perché rimodulare la rete ospedaliera? Direzione Sanità 4 Per una maggiore sicurezza dei pazienti (rete emergenza salva vita – volumi ed esiti) Per un sistema più efficiente e sostenibile (strutturale e duraturo nel tempo) Per imprescindibili esigenze normative (piano di rientro)
  • 5. Le imprescindibili esigenze normative Direzione Sanità 5 Il Regolamento è stato approvato dalla CSR n.98 del 5 agosto 2014 Patto per la Salute 2014-2016, siglato in data 10 luglio 2014, art. 3 sull’adozione del regolamento di definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera, in attuazione dell’articolo 1, comma 169 della legge 30 dicembre 2004, n. 311” e dell’articolo 15, comma 13, lettera c) del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135.
  • 6. Le imprescindibili esigenze normative - segue Direzione Sanità 6 CSR n.98 del 5 agosto 2014 – Allegato 1 Regolamento standard ospedalieri Rete ospedaliera Hub & Spoke articolata per bacino di utenza Bacino di utenza per disciplina secondo volumi ed esiti Proposta di riorganizzazione dell’assetto erogativo
  • 7. DEA II livello «Hub» – Requisiti da Regolamento Direzione Sanità 7 Bacino di Utenza 600.000 – 1.200.000 AB N°accessi annui > 70.000 Discipline Cardiologia con Emodinamica interventistica h 24 Neurochirurgia Cardiochirurgia e Rianimazione Cardiochirurgica Chirurgia Vascolare Chirurgia Toracica Chirurgia Maxillo – facciale Chirurgia Plastica Endoscopia digestiva ad elevata complessità Broncoscopia interventistica Radiologia interventistica Rianimazione Pediatrica e Neonatale Medicina Nucleare «…e altre eventuali discipline ad alta specialità» Presenti h24 Servizi di radiologia con TAC e Ecografia (con presenza medica), Laboratorio, Servizio Immunotrasfusionale. Il DEA di II livello: È sede di discipline di riferimento per le reti delle patologie complesse Effettua le funzioni di accettazione in emergenza urgenza per il trattamento delle patologie acute ad elevata complessità Presenza della rete di teleconsulto anche per lo scambio di flussi informativi con il 118
  • 8. DEA I livello «Spoke» – Requisiti da Regolamento Direzione Sanità 8 Bacino di Utenza 150.000 – 300.000 AB N°accessi annui > 45.000 Discipline Medicina Interna e Chirurgia Generale Anestesia e Rianimazione Ortopedia e Traumatologia Ostetricia e Ginecologia (se prevista per N.parti/anno) Pediatria Cardiologia con UTIC Terapia Intensiva Neurologia Psichiatria Oncologia Oculistica Otorinolaringoiatria Urologia «…con servizio medico di guardia attiva e/o reperibilità oppure in rete per le patologie che lo prevedono» Presenti o disponibili in rete h24 Servizi di radiologia almeno con TAC e Ecografia,Laboratorio, Immunotrasfusionale. Il DEA di I livello: Per le patologie complesse (traumi, cardiovasc., stroke) devono essere previste forme di consultazione, di traferimento delle immagini e protocolli concordati per il traferimento dei pazienti presso Centri di II livello. . Devono essere dotati di letti di Osservazione Breve Intensiva (OBI) e di letti di terapia sub- intensiva (anche a carattere multidisciplinare) Chirurgia Vascolare
  • 9. Ospedali di Base, sede di Pronto Soccorso– Requisiti da Regolamento Direzione Sanità 9 Bacino di Utenza 80.000 – 150.000 AB N°accessi annui > 45.000 Discipline Medicina Interna Chirurgia Generale Ortopedia e Traumatologia Anestesia e Rianimazione «…presenti letti di Osservazione Breve Intensiva» rete di guardia attiva e /o in pronta disponibilità h24 Servizi di radiologia, Laboratorio, Emoteca Ospedali di Base, sede di Pronto Soccorso: Effettua in emergenza-urgenza stabilizzazione clinica, procedure diagnostiche, trattamenti terapeutici, ricovero oppure trasferimento urgente al DEA di livello superiore di cura, in continuità di assistenza secondo protocolli concordati per patologia (es. reti assistenziali ad alta complessità. Strutture Complesse o Strutture Semplici in rapporto a bacini di utenza e/o volumi
  • 10. Presidi ospedalieri in zone disagiate– Requisiti da Regolamento Direzione Sanità 10 Le zone particolarmente disagiate sono definibili sulla base di oggettive tecniche di misurazione o di formale documentazione tecnica disponibile, distanti più di 90 minuti dai centri Hub o Spoke di riferimento ( o 60 minuti dai presidi di Pronto Soccorso) superando i tempi previsti per un servizio di emergenza efficace.
  • 11. Strutture Private Accreditate– Requisiti da Regolamento Direzione Sanità 11 «…fermo restando che l’attività assistenziale esercitata per conto del Servizio Sanitario Nazionale viene annualmente programmata dalla Regione con la fissazione dei volumi di attività ed i tetti di remunerazione per prestazioni e funzioni da indicarsi negli appositi accordi contrattuali annuali, le strutture ospedaliere private sono accreditate, in base alla programmazione regionale, considerando la presenza delle specialità previste per i tre livelli a complessità crescente di cui ai punti 2.2, 2.3 e 2.4 e sono prevedibili, altresì, strutture con compiti complementari e di integrazione all’interno della rete ospedaliera, stabilendo altresì che, a partire dal 1°gennaio 2015 entri in vigore e sia operativa la soglia di accreditabilità e sottoscrivibilità degli accordi contrattuali annuali, non inferiore a 60 p.l. per acuti, ad esclusione delle strutture monospecialistiche per le quali è fatta salva la valutazione regionale dei singoli contesti secondo le modalità di cui all’ultimo periodo del presente punto.
  • 12. Rapporto tra volumi e Esiti – il Regolamento Direzione Sanità 12
  • 13. Rapporto tra volumi e Esiti – il Regolamento Direzione Sanità 13
  • 14. Rapporto tra volumi e Esiti – il Regolamento Direzione Sanità 14
  • 15. Rapporto tra volumi e Esiti – il Regolamento Direzione Sanità 15
  • 16. Rapporto tra volumi e Esiti – Esempi Direzione Sanità 16 Tumori gastrici 44 strutture 6 sopra i volumi standard 17 con meno di 5 interventi annui
  • 17. Rapporto tra volumi e Esiti – Esempi Direzione Sanità 17 • A.O.U.U. S. G. Battista Molinette-To 102 • Pol.U. Maggiore della Carità-Novara 28 • A.O. S. Croce e Carle-Cuneo CN 22 • Osp. S. Giovanni Bosco-Torino TO 22 • A.O. S.S. Antonio e Biagio-Alessandria 20 • A.O. Mauriziano Umberto I-Torino 20 • • Osp. S. Biagio-Domodossola* VB 19 • Osp. S.S. Trinità-Borgomanero NO 16 • A.O.U.U. S. Luigi-Orbassano TO 15 • Osp. degli Infermi-Biella BI 14 • Osp. S. Andrea-Vercelli VC 14 • Osp. Martini-Torino TO 13 • Osp. Mondovì CN 12 • Osp. Cardinal Massaia-Asti AT 12 • Osp. Civile E. Agnelli-Pinerolo TO 12 *trattasi di due presi separati
  • 18. Rapporto tra volumi e Esiti – Esempi Direzione Sanità 18 Intervento chirurgico per TM mammella: volume di ricoveri 9 sopra standard >150 15 strutture <5
  • 19. Rapporto tra volumi e Esiti – Esempi Direzione Sanità 19 • A.O.U.U. Osp. Ostetrico Ginecologico S. Anna-Torino TO 7714 • Pol.U. Maggiore della Carità-Novara NO 2075 • A.O. S. Croce e Carle-Cuneo CN 1867 • Osp. Cardinal Massaia-Asti AT 1559 • Osp. Maria Vittoria-Torino TO 1521 • Osp. Maggiore S.S. Annunziata-Savigliano CN 1423 • Osp. degli Infermi-Rivoli TO 1349 Osp. S. Spirito-Casale Monferrato AL 480 Osp. Civile-Acqui Terme AL 315 Osp. S. Lorenzo-Carmagnola TO 282 Osp. Civile-Susa TO 189 Osp. S. Spirito-Bra CN 175 Osp. SS. Antonio e Margherita-Tortona AL 132 Parti: volume di ricoveri Piemonte 2013
  • 20. Applicazione del Regolamento Direzione Sanità 20 Applicazione della rete ospedaliera articolata in 6 Hub (DEA di II livello) 19 Spoke (DEA di I Livello) 9 Ospedali di base (PS) 4 Ospedali di zona disagiata Definizione dei fabbisogni per specialità e allocazione anche delle UOC per la elezione secondo i nodi della rete della emergenza e delle patologie complesse tempo dipendenti
  • 21. Organizzazione della rete ospedaliera Direzione Sanità 21 Il tempo e il luogo...nel posto giusto al momento giusto Cardiovascolare Stroke Trauma Ostetrico-neonatale Pediatrica Vascolare Ortopedica Tutti gli Attori Reti Patologie Complesse
  • 22. La rete dell’emergenza-urgenza: riorganizzazione Direzione Sanità 22 Cambiare il concetto di erogazione del servizio - un determinato territorio viene servito da: 1 auto medica (medico + infermiere) 1 mezzo di soccorso avanzato ( medico + infermiere) 1 mezzo di soccorso avanzato di base (infermiere) Mezzi di soccorso di base (Volontari Soccorritori) in relazione ai minuti di assistenza BLS previsti implementazione progressiva auto mediche 2015 H12 totale regione = 6 mezzo di soccorso avanzato (medico + infermiere) invariato mezzo di soccorso avanzato di base ( infermiere) invariato Implementazione mezzi di soccorso di base (Volontari Soccorritori) H12 = 8
  • 23. La Rete Ospedaliera Direzione Sanità 23 La rimodulazione garantisce un sistema efficiente ma anche di salvaguardia delle prestazioni salvavita qualitativamente accettabili grazie alle discipline necessarie e sufficienti alla emergenza-urgenza. Sui nodi della rete dell’emergenza così definiti si implementano le discipline delle patologie complesse tempo dipendenti (Infarto, ictus, politrauma, ostetricia, neonatologia, pediatria).
  • 24. La Rete Ospedaliera -segue Direzione Sanità 24 Sui nodi (Hub; Spoke; Pronto Soccorso) della rete della emergenza si implementano le specialità di elezione che rispondono a criteri di volumi di attività e si avvalgono dell’hardware garantito dalla struttura già organizzata per rispondere alle urgenze. Gli esiti sono indicatori di valutazione delle singole unità operative.
  • 25. La Rete Ospedaliera -segue Direzione Sanità 25 Ospedali HUB SPOKE P.S. P.P.I.
  • 26. La Rete di Emergenza territoriale: postazioni odierne (MSA, MSAB) Direzione Sanità 26 Postazioni A AB MSA MSAB
  • 27. La Rete degli ospedali Torino NORD Direzione Sanità 27 0 – 30 min. 30 – 60 min. 60 – 90 min. 90 – 120 min. Aree di percorribilità Ospedali HUB SPOKE P.S. P.P.I.
  • 28. La vera sfida è il Territorio Direzione Sanità 28 Contemporaneamente: riconvertire l’ospedale e potenziare il territorio Piattaforma tecnologica condivisa 7 /2/ 2013 Accordo Stato Regioni: rapporti tra emergenza urgenza e continuità assistenziale Continuità assistenziale ma anche rafforzamento delle attività distrettuali. CURAP 116.117
  • 29. » Accordo Stato Regioni del 7 febbraio 2013 – Linee di indirizzo pe riorganizzazione del sistema di emergenza urgenza in rapporto all continuità assistenziale: • adottare sistemi di ricezione delle richieste di assistenza primaria nelle 24 ore finalizzati ad assicurare la continuità delle cure e ad • intercettare prioritariamente la domanda a bassa intensità • centralizzando almeno su base provinciale, le chiamate al Servizio di Continuità Assistenziale • condividendo con il servizio di Emergenza Urgenza, le tecnologie e integrando i sistemi informativi regionali • lasciando comunque distinto l’accesso degli utenti alle numerazioni 118 e della Continuità assistenziale Direzione Sanità 29
  • 30. 10 luglio 2014 - Patto per la salute 2014-2016 Art. 5 (assistenza territoriale) comma 12 + “Con riferimento alla decisione europea per l’attivazione del numero 116.117 dedicato al servizio di cure mediche non urgenti, al fine di armonizzare la situazione italiana con quella di altri paesi europei, il Ministero della Salute chiede all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ai sensi dell’art. 14 della Delibera 52/12/CIR, l’assegnazione del numero a valenza sociale, “116-117”, per il Servizio di Guardia Medica non urgente. Con apposito Accordo tra le Regioni ed il Ministero della Salute, saranno definite le modalità e i tempi per la realizzazione del numero unico “116-117” su tutto il territorio nazionale; successivamente le Regioni - in quanto Enti utilizzatori del numero - provvederanno ad effettuare tutte le necessarie operazioni tecniche per implementarne l’utilizzo”. Direzione Sanità 30
  • 31. La Rete Territoriale Direzione Sanità 31 Garantisce la presa in carico, direttamente o dalla interazione con la rete della emergenza e con quella ospedaliera, della inappropriatezza. Risponde anch’essa a criteri organizzativi con tecnologie telefoniche ed informatiche condivise, di rintracciabilità, misurabilità e controllo.
  • 32. La Rete Territoriale - segue Direzione Sanità 32 In alternativa al ricovero ospedaliero occorre quindi potenziare: Continuità assistenziale Ospedalizzazione a domicilio Assistenza Domiciliare Integrata E integrare con: Attività socioassistenziali RSA Volontariato
  • 33. Gli obiettivi della Regione devono essere conformi con il Patto per la Salute Direzione Sanità 33 Criticità: Popolazione del bacino di utenza non servita in modo omogeneo Strutture complesse accentrate e ridondanti Organizzazione con proliferazioni eccessive delle medesime discipline (Università)
  • 34. Rilancio della Rete Territoriale Il percorso sanitario e quello assistenziale devono essere percorsi che hanno una integrazione assoluta: per fare questo bisogna che ci sia una riappropriazione, da parte delle Comunità, dell’assistenza sociale e dell’assistenza sanitaria di base con le strutture appositamente individuate all’art. 5 del Patto per la Salute 2014/16: Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT). Direzione Sanità 34
  • 35. • Le AFT, gestite dai MMG con il supporto degli infermieri, assistenti sociali e amministrativi del territorio, svolgono la funzione di presa in carico globale dell’individuo in stato di necessità sia dal punto di vista sanitario che del supporto sociale alla famiglia, anche utilizzando le risorse tecnologiche e di comunicazione delle centrali operative del territorio (CURAP) rispondenti al numero unico europeo delle cure primarie 116117 Direzione Sanità 35 Rilancio della Rete Territoriale
  • 36. Il numero 116117 è un numero unico nazionale dedicato ai servizi di cure mediche non urgenti e concorre alla gestione della domanda a bassa intensità/priorità in coerenza con la riorganizzazione dell’assistenza territoriale prevista dal Patto per la Salute. Direzione Sanità 36 Rilancio della Rete Territoriale
  • 37. • Le AFT diventano il punto di riferimento della popolazione anche per l’accesso alle prestazioni ospedaliere e di specialistica ambulatoriale (garantite in ogni Distretto dalla organizzazione delle Unità di Cure Primarie – UCCP), oltre che per le necessità di assistenza domiciliare o semiresidenzialità, e residenzialità collettiva. • Per evitare sprechi e/o spese duplicate tra professionisti specialisti del territorio e ospedalieri, la specialistica necessaria alle UCCP potrà (dovrà) essere prioritariamente reperita in ospedale in apposite sezioni di ambulatori a tempo zero (accesso diretto) su prescrizione del MMG. Direzione Sanità 37 Rilancio della Rete Territoriale
  • 38. • In Piemonte le UCCP potrebbero coincidere territorialmente con il distretto: il responsabile del Distretto è investito del coordinamento tra le attività degli specialisti (ospedalieri/specialisti ambulatoriali interni(Sumai)) e dei MMG/ guardia medica. • Dal punto di vista gestionale, l’idea di mettere insieme l’assistenza sociale con quella sanitaria, dà come risultato la moltiplicazione delle risorse e non la mera somma. Un esempio per tutti: il volontariato meglio organizzato in un contesto socio sanitario sostiene le dimissioni dall’ospedale con attività di badanza, che sostengono l’economia ospedaliera e anche la famiglia; in un sistema solidale a regìa pubblica Direzione Sanità 38 Rilancio della Rete Territoriale
  • 39. • Con le risorse liberate si può attuare un piano di investimenti, come l’ex art. 20 della Legge 67/88. Le risorse liberate dalla virtuosa riorganizzazione strutturale della rete ospedaliera finanzieranno la costruzione della rete territoriale dei Distretti nelle sue articolazioni, costruendo centri di aggregazione di servizi territoriali ex novo là dove necessari, riconvertendo in strutture territoriali i piccoli ospedali, utilizzando al meglio sedi di distretto e poliambulatori costruendo una vera e propria rete di assistenza territoriale distrettuale. Direzione Sanità 39 Rilancio della Rete Territoriale
  • 40. • La presenza di più punti di erogazione di attività finalizzate al “benessere” della popolazione deve diventare un’occasione di lavoro e di protezione dell’ambiente per la comunità. Le parole d’ordine possono diventare: filiera corta dei prodotti alimentari, consumo di energia rinnovabile prodotta sul territorio stesso, ecc. • In conclusione, tutti i programmi delle attività connesse al funzionamento delle AFT/UCCP devono diventare occasione per sostenere l’economia locale con il rispetto dell’individuo, della comunità e dell’ambiente. Direzione Sanità 40 Rilancio della Rete Territoriale
  • 41. 41 Pop 2012 ASL Residenza Ospedale DEA Distretto Totale 010201 - To1 (Torino) Torino TO - Distretti di Torino 484.604 Torino Totale 484.604 010201 - To1 (Torino) Totale 484.604 010202 - To2 (Torino) Torino TO - Distretti di Torino 422.269 Torino Totale 422.269 010202 - To2 (Torino) Totale 422.269 010203 - To3 (Collegno) Pinorolo TO3/7 - Pinerolo 91.490 TO3/8 - Val Pellice 23.363 TO3/9 - Valli Chisone e Germanasca 19.942 Pinorolo Totale 134.795 Rivoli TO3/1 - Collegno 87.050 TO3/2 - Rivoli 56.835 TO3/4 - Giaveno 29.763 TO3/5 - Susa 90.352 TO3/6 - Venaria 86.753 Rivoli Totale 350.753 S Luigi OrbassanoTO3/3 - Orbassano 95.939 S Luigi Orbassano Totale 95.939 010203 - To3 (Collegno) Totale 581.487 010204 - To4 (Chivasso) Chivasso TO4/2 - Chivasso 79.690 TO4/3 - Settimo Torinese 83.744 TO4/4 - San Mauro Torinese 40.904 Chivasso Totale 204.338 Cirie TO4/1 - Ciriè 121.228 Cirie Totale 121.228 Ivrea TO4/5 - Ivrea 110.903 TO4/6 - Cuorgnè 79.989 Ivrea Totale 190.892 010204 - To4 (Chivasso) Totale 516.458 Popolazione per DEA Torin
  • 42. 42 Pop 2012 ASL Residenza Ospedale DEA Distretto Totale 010205 - To5 (Chieri) Chieri TO5/1 - Chieri 102.911 Chieri Totale 102.911 Moncalieri TO5/2 - Moncalieri 75.640 TO5/3 - Nichelino 75.712 TO5/4 - Carmagnola 52.903 Moncalieri Totale 204.255 010205 - To5 (Chieri) Totale 307.166 010206 - Vc (Vercelli) Vercelli VC/1 - Vercelli 102.468 VC/2 - Valsesia 71.150 Vercelli Totale 173.618 010206 - Vc (Vercelli) Totale 173.618 010207 - Bi (Biella) Biella BI/1 - Biella 115.521 BI/2 - Cossato 57.290 Biella Totale 172.811 010207 - Bi (Biella) Totale 172.811 010208 - No (Novara) AO Novara NO/3 - Galliate-Trecate 59.369 NO/4 - Novara 131.498 AO Novara Totale 190.867 Borgomanero NO/1 - Borgomanero 73.332 NO/2 - Arona 81.046 Borgomanero Totale 154.378 010208 - No (Novara) Totale 345.245 010209 - Vco (Omegna) Verbania VCO/1 - Omegna 42.089 VCO/2 - Domodossola 64.535 VCO/3 - Verbania 64.051 Verbania Totale 170.675 010209 - Vco (Omegna) Totale 170.675 Popolazione per DEA Chieri e Novar
  • 43. 43 Pop 2012 ASL Residenza Ospedale DEA Distretto Totale 010210 - Cn1 (Cuneo) Mondovi CN1/5 - Mondovì 64.139 CN1/6 - Ceva 23.062 Mondovi Totale 87.201 S Croce CN1/1 - Cuneo e Borgo San Dalmazzo 119.758 CN1/4 - Dronero 41.777 S Croce Totale 161.535 Savigliano CN1/2 - Saluzzo 81.007 CN1/3 - Savigliano e Fossano 88.976 Savigliano Totale 169.983 010210 - Cn1 (Cuneo) Totale 418.719 010211 - Cn2 (Alba) Alba CN2/1 - Alba 105.246 CN2/2 - Bra 65.274 Alba Totale 170.520 010211 - Cn2 (Alba) Totale 170.520 010212 - At (Asti) Asti AT/1 - Asti nord 69.663 AT/2 - Asti centro 77.401 AT/3 - Asti sud - Nizza Monferrato 58.490 Asti Totale 205.554 010212 - At (Asti) Totale 205.554 010213 - Al (Casale Monferrato) AO Alessandria AL/1 - Alessandria 119.818 AL/2 - Tortona 60.596 AL/4 - Valenza 30.706 AO Alessandria Totale 211.120 Casale AL/3 - Casale Monferrato 84.200 Casale Totale 84.200 Novi Ligure AL/5 - Novi Ligure 73.267 AL/6 - Ovada 28.309 AL/7 - Acqui Terme 42.812 Novi Ligure Totale 144.388 010213 - Al (Casale Monferrato) Totale 439.708 Popolazione per DEA CN e Al
  • 44. Risorse per garantire il patto con la popolazion Tutte le garanzie del patto comportano dei costi (le centrali operative, i centri di erogazione territoriale, i presidi ospedalieri attrezzati ecc..). Le risorse dello Stato per il sistema sanitario saranno sufficienti se il sistema attuale viene ridisegnato garantendo : • AFT con medici di medicina generale (incl. la Continuità Assistenziale), infermieri (bacino di utenza max. 30.000 abitanti) con delle antenne nelle valli e nelle aree scarsamente abitate. • UCCP con specialisti ambulatoriali e altre funzioni distrettuali • Il sistema 118 • Il sistema 116-117 • Una rete di ospedali in grado di garantire una risposta multidisciplinare 24H su 24 e 365 GG su 365 in modo articolato con • I centri maggiori (DEA 2° livello) (uno ogni 600.000 – 1.200.000 abitanti) • I presidi più diffusi (DEA 1° livello) (uno ogni 150.000 – 300.000 abitanti) • I presidi minori (PS) (uno ogni 80.000 – 150.000 abitanti) • I presidi nelle zone disagiate. 44
  • 45. Interventi per recuperare risorse L’intervento di razionalizzazione del sistema ospedaliero consiste in una riduzione di numero di ospedali, la riduzione del numero di “fuochi” e la distribuzione più efficiente ed efficace delle specialità in modo che siano allocate dove l’utilità è maggiore. L’effetto complessivo non può, quindi, essere una somma di piccoli interventi ma una riorganizzazione complessiva dell’ intero sistema. Contemporaneamente è previsto un intervento di razionalizzazione delle prestazioni ambulatoriali del territorio concentrandole nei presidi ospedalieri e nelle UCCP. 45
  • 46. Interventi per recuperare risorse Base dei calcoli per il ricupero di risorse sono i flussi ministeriali : • LA (costi per livello assistenziale) 2013, • Ricoveri 2013, • Prestazioni ambulatoriali 2013. Si è calcolata la differenza tra il valore prodotto, incluso il finanziamento per funzioni universitarie e non, e i costi. Si prevede un recupero annuo a fine del triennio in corso del 30% della differenza tra i costi e il valore per le funzioni interessate. Il recupero complessivo, alla fine del triennio, è stimabile in circa 330 milioni annui. 46
  • 47. Utilizzo delle risorse recuperate Mentre la progressiva efficienza del sistema si realizzerà è possibile destinare le risorse ricuperate nel modo seguente: • Incremento degli investimenti nelle strutture ospedaliere (circa 100 milioni/anno) • Realizzazione tecnologica e organizzativa del sistema 116-117 (circa 30 milioni/anno) • Investimenti per la realizzazione di centri di erogazione territoriali (AFT e UCCP) (circa 150 milioni/anno) • Rafforzamento di almeno il 40% dell’Assistenza Domiciliare Integrata (circa 50 milioni / anno) 47
  • Fly UP