...

I nuovi bandi per l'internazionalizzazione delle imprese del Lazio

by sviluppolazio

on

Report

Download: 0

Comment: 0

5,386

views

Comments

Description

Intervento del Prof. Guido Fabiani, assessore regionale allo Sviluppo Economico e Attività Produttive.
Roma, 4 settembre 2014
Download I nuovi bandi per l'internazionalizzazione delle imprese del Lazio

Transcript

  • 1. I nuovi bandi per l’internazionalizzazione delle imprese del Lazio Prof. G. Fabiani, Assessore Sviluppo Economico e Attività Produttive Regione Lazio
  • 2. L’internazionalizzazione del Lazio come politica di sviluppo industriale e del sistema delle imprese Internazionalizzazione e innovazione per mettere il nostro sistema in condizione di sostenere la sfida nei nuovi mercati globali. Le novità degli ultimi mesi confermano l’impostazione da noi adottata nelle linee guida presentate a marzo 2014 Inauguriamo oggi nuove azioni per attuare quelle politiche
  • 3. Gli obiettivi delle Linee guida presentate a marzo: 1. Restringere il gap tra il contributo del Lazio alla formazione del Pil italiano (circa l’11%) e l’incidenza delle sue esportazioni sul totale nazionale (4,7%). 2. Incrementare la competitività del sistema produttivo laziale, collegando le politiche per l’internazionalizzazione a un sistema organico di interventi per rilanciare l’economia regionale (startup, reti d’impresa, ricerca e innovazione, trasferimento tecnologico, ecc..). 3. Aumentare la capacità del Lazio di attrarre e valorizzare i talenti, il capitale umano e le risorse finanziarie esterne; 4. Riformare la governance e inserire il Lazio in un sistema inter-istituzionale utile a massimizzare le risorse e non disperdere energie.
  • 4. Le risorse Per la prima volta la Regione ha scelto di allocare un ingente volume di risorse su un programma di internazionalizzazione: 50 milioni di euro in 5 anni tra risorse regionali e fondi europei, di cui 11,4 milioni di euro per il programma di interventi 2014;
  • 5. 10 settori da cui partire Siamo partiti dall’analisi di 10 settori rappresentativi dell’economia regionale, da mettere in condizione di trainare verso l’internazionalizzazione l’intero sistema delle imprese. Non un elenco esaustivo, ma un punto di partenza, da integrare in corso d’opera: 1. Aerospazio 2. Agroalimentare 3. Arredo-Design 4. Automotive 5. Bioscienze 6. Economia del mare 7. Ict 8. Industria culturale 9. Restauro e tecnologia delle costruzioni 10. Sistema moda
  • 6. Il quadro attuale Le criticità: 1. Difficoltà di ripresa dell’economia italiana; 2. Calo della quota export italiana nei mercati globali nell’ultimo decennio; 3. Concentramento delle esportazioni in prodotti e mercati «a domanda lenta»; 4. Tra il 2012 e il 2013 esportazioni laziali cadute a un tasso superiore a quello nazionale; 5. Circa i due terzi dell’export laziale assorbito dai paesi europei.
  • 7. Il quadro attuale Le potenzialità: 1. Paesi emergenti possono rappresentare ottimi mercati di sbocco; 2. Cresce la domanda di made in Italy nel mondo; 3. Apprezzamento del dollaro e politiche BCE potrebbero rafforzare l’export extra UE
  • 8. Perché una politica per l’internazionalizzazione 1. per rafforzare la competitività del Lazio nel mondo; 2. per riscoprire la bellezza del made in Italy; 3. per uscire dalla recessione facendo sistema con il governo e le altre istituzioni; 4. per rendere il Lazio una tra le regioni leader dell’Internazionalizzazione attraverso investimenti per circa 10 milioni di euro l’anno.
  • 9. Gli obiettivi delle azioni di oggi 1. abbandonare i finanziamenti a pioggia, valorizzare le migliori esperienze come traino del sistema regionale; 2. superare le strozzature imposte dal rallentamento della domanda in Europa; 3. intercettare la domanda in crescita dei paesi emergenti; 4. formare una nuova classe dirigente per aumentare il numero di imprese esportatrici; 5. fare uscire il Lazio dal passato isolamento, costruendo una rete istituzionale in grado di sostenere efficacemente l’apertura del sistema produttivo italiano e regionale; 6. siglare un nuovo patto con le associazioni di categoria e il sistema camerale, per collaborare a sostenere le migliori esperienze ed eccellenze nei diversi settori di attività.
  • 10. Gli interventi: 7,6 milioni per le imprese laziali a) 5 milioni per le iniziative proposte dalle imprese in forma aggregata; b) 2,2 milioni di euro rivolti al sistema camerale e alle associazioni di categoria per coinvolgere le imprese in percorsi di internazionalizzazione; c) 200.000 euro per sostenere, con Fiera di Roma, il Vino ForumTrade; d) 200.000 euro per attivare i Master in Export Manager (con l’Agenzia-ICE). Intendiamo inoltre attivare un calendario di appuntamenti con esperti di Sviluppo Lazio per illustrare i bandi presso gli incubatori BIC delle province del territorio
  • 11. 5 milioni di euro per i progetti delle imprese del Lazio Obiettivi: sostenere i progetti delle PMI in forma aggregata a iniziative di internazionalizzazione che prevedano attività promozionali, fieristiche, di cooperazione commerciale e industriale e di sostegno alla qualità dell’export laziale. Contributo massimo: 250.000 Euro Tempistica: ricezione domande dal 16 settembre al 31 ottobre.
  • 12. Manifestazione di interesse da 2,2 milioni di euro per i progetti redatti in collaborazione con sistema camerale e associazioni Obiettivi: rafforzare, attraverso la collaborazione del sistema camerale e delle associazioni, processi di aggregazione, competenze organizzative e di marketing. In particolare saranno finanziati: a) progetti verso Mediterraneo (guardando a est) e Americhe; b) diplomazie economiche; c) progetti interregionali (Africa Sub Sahariana,Cina, Emirati Arabi Uniti); d) partecipazione collettiva a Fiere Internazionali. Contributo massimo: fino a 200.000 euro per i progetti del sistema camerale e fino a 100.000 euro per tutti gli altri. Tempistica: ricezione domande dal 16 settembre al 31 ottobre. .
  • 13. Vino Forum Trade del Lazio Fiera di Roma,12-14 novembre 2014 Manifestazione organizzata in collaborazione con Fiera di Roma Obiettivo: fare incontrare i produttori di vino del Lazio con gli acquirenti e i distributori mondiali. Target: a) mercati europei e del mediterraneo allargato; b) mercato cinese; c) America settentrionale. La Regione selezionerà con apposito bando circa 30 operatori del settore sulla base di criteri di eccellenza.
  • 14. Master in formazione per Export Manager in convenzione con Agenzia-ICE La Regione cofinanzia con 200.000 euro un Master in Export Manager nell’ambito delle attività tradizionalmente tenute dall’Agenzia-ICE. Obiettivo formare 20 giovani laziali con 5 mesi in aula e uno stage in 20 imprese laziali, anche queste selezionate con apposito bando pubblico sulla base di criteri di eccellenza. Nell’ambito dell’accordo definito con Agenzia-Ice per: a) progetti di formazione; b) attività promozionali regionali nei mercati esteri; c) partecipazione a progetti finanziati da fondi comunitari e/o da organismi internazionali; d) stipulare accordi e intese con altre Regioni, Associazioni di Categoria, Sistema camerale e fieristico, Università e Parchi tecno-scientifici; e) promozione e assistenza all’estero delle aziende del territorio laziale. .
  • 15. …l’internazionalizzazione del Lazio: un’azione di sistema per un nuovo percorso di crescita della nostra regione
Fly UP