...

Diritti fragili unicef 2014

by lodiprimocircolo

on

Report

Category:

Education

Download: 0

Comment: 0

52,601

views

Comments

Description

Download Diritti fragili unicef 2014

Transcript

  • 1.qwertyuiopasdfghjklzxcv bnmqwertyuiopasdfghjklz xcvbnmqwertyuiopasdfgh jklzxcvbnmqwertyuiopas dfghjklzxcvbnmqwertyuio pasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvb nmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghj klzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiop Scuola Amica 2013/14 DIRITTI FRAGILI Schema riassuntivo dei diritti approfonditi e vissuti e delle attività realizzate Scuole dell’ infanzia, scuole primarie, scuola secondaria di primo grado – Istituto Comprensivo Lodi 1 17/06/2014
  • 2. Istituto Comprensivo Lodi 1- a.s.2013-14 2 Anche per la nostre scuole, pur nella nuova veste di Istituto Comprensivo, è giunta al 5° anno la partecipazione al Progetto "Scuola Amica dei bambini e dei ragazzi”, che vede la collaborazione tra l’UNICEF e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). Il Progetto, in linea con le indicazioni per l’insegnamento di “Cittadinanza e Costituzione”, fa dell’ approccio partecipativo e della cultura della legalità parte integrante del processo educativo e asse trasversale a tutti i saperi. Alimentazione, salute, istruzione, cittadinanza, famiglia, accoglienza, pace ….… I diritti dell’infanzia, faticosamente conquistati e riconosciuti, sono sempre a rischio di essere infranti e dimenticati anche nei paesi che la Convenzione hanno firmato, anche nel nostro Paese. I “Diritti Fragili”, non disgiunti dai doveri fragili, il filo conduttore del lavoro dell’anno scolastico trascorso. Una riflessione quindi, nei differenti ordini di scuola del Nostro Comprensivo, sui Diritti fondamentali della Convenzione, con i doveri ad essi correlati, riflessione che si è fatta partecipazione nei momenti progettuali ed attuativi del progetto, nella elaborazione delle tematiche, nella fase di ricerca del materiale da utilizzare, nell’uso delle tecniche e dei materiali.
  • 3. Istituto Comprensivo Lodi 1- a.s.2013-14 3 Da qui la scelta de “La vetreria dipinta” con il riuso e il riciclo di contenitori in vetro ( scelta preceduta da lavoro di riflessione sulle possibilità offerte dal riciclo di materiali, riflessione differenziata in base all’età degli alunni) e dei braccialetti dei diritti. Due le fasi operative del progetto con momenti di lavoro d’aula e/o laboratoriale – collettivo, a piccoli gruppi, individuale con il supporto degli insegnanti delle classi/sezioni o la collaborazione e l’intervento diretto di esperti esterni indicati dall’Unicef cittadina. FASE PRELIMINARE: - presentazione del progetto da parte dei referenti Unicef - accoglimento e adesione della scuola - presentazione del progetto ai colleghi - individuazione delle “piste” di lavoro - stesura dei percorsi FASE 1 1- Riflessione sul significato del tema e presentazione dei diritti da approfondire anche attraverso l’utilizzo di materiale appropriato
  • 4. Istituto Comprensivo Lodi 1- a.s.2013-14 4 2- (. film “L’isola degli smemorati” per i bambini della scuola dell’infanzia di S.Gualtero – letture scelte) 3- Riflessione, lettura e produzione di materiale linguistico ( pensieri, acrostici, mappe) relativo al tema della Pace e della Cittadinanza. 4- Partecipazione – visita alle istallazioni in piazza della Vittoria il 4 ottobre “ Percorsi di pace -sulle orme di S. Francesco” nel corso della giornata della pace. Attivazione di laboratori di scrittura creativa: produzione e raccolta degli elaborati, “pensieri di pace” prodotti dalle classi/sezioni partecipanti alla giornata (scritti-disegni). I materiali raccolti sono stati trasmessi al Coordinamento Nazionale Enti locali per la Pace e i Diritti Umani e ad altri organismi nazionali e internazionali. 5- Riflessione sul significato di accoglienza, famiglia, alimentazione, salute e istruzione. 6- Lettura e riflessione sui Diritti dell’Infanzia approfonditi nel percorso di Educazione alla Cittadinanza per la scuola secondaria di primo grado 7- Attivazione di un laboratorio di poesia sul tema dei Diritti dell’Infanzia ( scuola secondaria di primo grado) 8- Attuazione di percorsi per acquisire consapevolezza dell’’utilizzo responsabile delle risorse naturali; conoscenza della limitatezza delle stesse - confronto con i bisogni dei paesi
  • 5. Istituto Comprensivo Lodi 1- a.s.2013-14 5 “in sofferenza” (in collaborazione con MLFM) Intervento di un “esperto” nelle classi coinvolte 9- Progettazione e attuazione di uno specifico percorso di Educazione alimentare per gli alunni della scuola dell’Infanzia (S. Gualtero) 10- Produzione individuale e/o a gruppi di materiale significativo: scritti, disegni, cartelloni, ipertesti(ved. Pinocchio – I diritti dei bambini : CD allegati) 11- Riflessione sul tema della fragilità e scelta dei materiali più adatti allo scopo di rappresentare tale fragilità : presentazione agli alunni del progetto Unicef 12- Brain storming e registrazione scritta di quanto emerso- mappa delle osservazioni 13- Ricerca , predisposizione del materiale da utilizzare 14- Progetto cartaceo (per gli alunni più grandi) 15- Attivazione laboratori: coloritura dei vasetti 16- Allestimento strutture di supporto (cilindri di rete e albero di legno) 17- Completamento della struttura con fissaggio vetreria dipinta 18- Predisposizione e posizionamento cartellonistica illustrativa (indicazione dei diritti fondamentali 19- Collocazione della struttura a formare un grande albero dell’accoglienza in attesa del Natale
  • 6. Istituto Comprensivo Lodi 1- a.s.2013-14 6 20- Intervento a scuola di operatori del sociale per ascoltare la voce dei senza-voce (Caritas, Emergency) 21- La struttura-albero come centro di raccolta di materiale di prima necessità per i bisogni individuati ( Centro Accoglienza alla Vita- Caritas e mensa cittadina) con il coinvolgimento degli alunni, delle famiglie e di tutti gli operatori della scuola. 22- Raccolta di fondi da destinare ad una scuola in Albania, gestita da un ordine religioso cittadino (Sorelle Operaie del S.Vangelo) 23- Elaborazione copioni teatrali da letture e proposte condivise (diversificato per le classi della scuola dell’Infanzia e primaria; “L’albero maestro” da “L’uomo che piantava gli alberi” per la scuola secondaria di primo grado (laboratorio per alunni disabili, DSA, BES) 24- Messa in scena delle rappresentazioni teatrali elaborate ( con supporto di esperti animatori) 25- Attivazione di un laboratorio di ippoterapia per “praticare” il diritto all’istruzione (secondaria di primo grado)
  • 7. Istituto Comprensivo Lodi 1- a.s.2013-14 7 FASE 2 1-Riposizionamento della struttura come istallazione permanente nell’atrio dell’edificio scolastico (presso la scuola “S.F.Cabrini”) 2-Ricerca “sponsor- espositori” all’iniziativa- manifestazione finale 3-Collocazione singole parti dell’istallazione nei negozi cittadini disponibili ad accoglierle 4-Partecipazione al momento conclusivo in Piazza della Vittoria 5-Preparazione nelle classi di oggetti “fragili” da porre in vendita 6-Organizzazione di laboratori per la realizzazione dei”braccialetti dei diritti” 7-Realizzazione dei componenti per i braccialetti con manipolazione di materiali differenti 8-Assemblaggio e confezionamento dei braccialetti 9-Allestimento e organizzazione del banco- vendita (Scuola secondaria di I° ) 10-Predisposizione di una “ bancarella” dedicata per la vendita degli oggetti realizzati nelle varie classi della scuola primaria e dell’infanzia 11-- Destinazione dei fondi raccolti ad uno dei progetti Unicef .
  • 8. Istituto Comprensivo Lodi 1- a.s.2013-14 8 Di seguito gli articoli di riferimento della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia sui quali si è posta particolare attenzione nel corso dell’attuazione del progetto Art.6 Il bambino ha diritto alla vita. Gli Stati devono aiutarlo a crescere. Il bambino ha diritto a un nome e a una nazionalità. Art. 9-10–18-20 Ha diritto ad avere una famiglia e ad essere protetto Art. 12-13 – Ha diritto ad esprimere la propria opinione, partecipare attivamente alla vita scolastica e sociale e ad avere un utilizzo ampio, ma sicuro dell’ informazione Art.22. Il bambino ha diritto ad essere accolto e assistito, se lontano dal proprio paese Art.24 il bambino ha diritto di godere del miglior stato di salute possibile e di beneficiare di servizi medici e di riabilitazione. Gli Stati si sforzano di garantire che nessun minore sia privato del diritto di avere accesso a tali servizi Art.27. Il bambino ha diritto ad avere una condizione di vita adeguata
  • 9. Istituto Comprensivo Lodi 1- a.s.2013-14 9 Art.28 -29 . I minori hanno diritto all’istruzione, gratuita e obbligatoria, quella primaria, e accessibile a tutti quella secondaria e ad un’educazione formativa nel rispetto dei diritti e delle liberta fondamentali Art. 31. Il bambino ha il diritto di incontrare gli amici e di giocare Art. 2.-32-38 Il bambino ha diritto a non essere discriminato ed essere protetto dallo sfruttamento e dalla violenza Se “La Scuola Amica delle bambine e dei bambini è una scuola dove la Convenzione sui diritti dell’infanzia è conosciuta nei suoi contenuti, ma soprattutto dove è messa in pratica e vissuta quotidianamente, e per questo bambine/i e ragazze/i ne diventano protagonisti”, l’attuazione del Progetto Diritti Fragili, con i percorsi intrapresi, ha cercato di tradurre i Diritti nella realtà scolastica con particolare attenzione alle relazioni interpersonali e al clima sociale, alla partecipazione attiva nelle fasi progettuali e attuative e con il patto formativo sottoscritto con le famiglie e le componenti scolastiche. I ragazzi sono stati coinvolti basandosi sulle loro diverse esperienze quotidiane, e portando le proprie idee e proposte, attivando la creatività di tutti attraverso l’uso di diversi linguaggi e pratiche operative.
  • 10. Istituto Comprensivo Lodi 1- a.s.2013-14 10 “Un bambino può insegnare sempre tre cose ad un adulto: ad essere contento senza motivo, a essere sempre occupato con qualcosa, e a pretendere con ogni sua forza quello che desidera” Paulo Coelho, Monte Cinque
  • Fly UP