System is processing data
Please download to view
...

Statistiche lettura

by guerrabros

on

Report

Category:

Documents

Download: 0

Comment: 0

212

views

Comments

Description

Statistiche letture Associazione Italiana Editori
Download Statistiche lettura

Transcript

  • Statistiche su lettura e lettori in Italia Fonte: Indagine ISTAT 2013 e Rapporto AIE 2014 Nel 2013 sono 24 milioni gli italiani che hanno dichiarato di leggere libri nel tempo libero (pari al 43% della popolazione complessiva), con un tempo medio stimato di lettura di 5h30 a settimana. Il 71% dei lettori predilige trascorrere questo tempo in una stanza da letto o in un soggiorno. Il 10% legge invece soprattutto in viaggio o sui mezzi pubblici. Per quanto il numero complessivo di lettori in Italia si attesti al di sotto della media europea (60%), esso finisce tuttavia per confermare un trend positivo che, pur con qualche piccola flessione, ha visto un progressivo aumento del numero di lettori dal 1995 (il 39% della popolazione) ad oggi. Questo aumento ha riguardato soprattutto due categorie: i bambini di età compresa fra i 6 e i 10 anni (dal 41,3% del 1995 al 54,3% del 2013) e gli adulti di età compresa fra i 40 e i 74 anni (dal 24,6% del 1995 al 42,3% del 2013). In questo percorso di crescita, a fare da traino sono soprattutto i laureati, l'80,3% dei quali dedica quotidianamente del tempo libero alla lettura. Con riferimento alla condizione professionale, si rilevano livelli di lettura superiori alla media tra dirigenti, imprenditori e liberi professionisti (61,1%), direttivi, quadri e impiegati (65,3%) e studenti (59,8%). I livelli di lettura più bassi si registrano invece tra gli operai (30%), i ritirati dal lavoro (33,8%) e le casalinghe (32%) L'aumento dei titoli di narrativa e saggistica venduti in formato digitale (+43% nel 2013 - fonte: AIE) spiega in parte questo trend positivo. Il 20% delle persone che hanno utilizzato internet negli ultimi tre mesi ha infatti dichiarato di aver letto o scaricato e-book nel corso dell'ultimo anno. Il legame tra mondo digitale e lettura è ulteriormente confermato da quel 30% di lettori che, nel corso del 2013, hanno letto esclusivamente su e-reader o tablet. I motivi di questa scelta risiedono nell'abbassamento dei prezzi dell'e-book rispetto al formato cartaceo (60,6% dei rispondenti) e nella loro maggior facilità di trasporto e archiviazione (38,7%). Solo il restante 0,7% dei lettori digitali adduce a motivo del proprio passaggio da cartaceo a e-book la possibilità di poter usufruire di contenuti multimediali all'interno del libro. A livello economico, il passaggio al digitale rappresenta una fetta sempre più importante nel mercato dell'editoria (35,9% degli introiti). A contribuire a questo successo è anche la possibilità di accedere con prezzi sempre più competitivi a dispositivi appositamente progettati per la lettura (pur non rilasciando cifre precise, Amazon Italia ha come prodotto maggiormente venduto proprio un lettore e-book).
  • E' interessante notare come l'82% degli acquirenti di e-reader siano persone laureate e con profili lavorativi di alto livello. La crescita del mercato degli e-book contribuisce anche ad un favorirmento all’accesso alle risorse culturali in contesti territoriali svantaggiati sul piano della domanda e dell’offerta. Se le statistiche di lettura mostrano come nel sud Italia si legga in media il 70% in meno rispetto al nord, questa differenza si riduce al 9,6% se si considera il campione di lettori esclusivamente digitali.
Fly UP