...

Limes: Il sogno del Turkestan orientale

by limes-rivista-italiana-di-geopolitica

on

Report

Category:

Documents

Download: 0

Comment: 0

891

views

Comments

Description

Fra autonomia, indipendenza e califfato, chi sono e che cosa vogliono i leader uiguri del Xinjiang, accusati da Pechino di terrorismo. La forza della diaspora, il sostegno turco
e le ambiguità americane. Le tecniche coloniali cinesi.

Articolo pubblicato su Limes 4/05 Cindia, la sfida del secolo, e on line su www.limesonline.com mercoledì 8 luglio 2009.
Download Limes: Il sogno del Turkestan orientale

Transcript

CINDIA, LA SFIDA DEL SECOLO IL SOGNO DEL TURKESTAN ORIENTALE di Federico DE RENZI Fra autonomia, indipendenza e califfato, chi sono e che cosa vogliono i leader uiguri del Xinjiang, accusati da Pechino di terrorismo. La forza della diaspora, il sostegno turco e le ambiguità americane. Le tecniche coloniali cinesi. 1. OPO GLI ATTENTATI DELL’11 SETTEMBRE 2001, molti governi che avevano a che fare con gruppi di opposizione islamica hanno colto l’occasione della «guerra al terrorismo» per chiudere i conti con i loro avversari. È il caso soprattutto della Cina. Pechino ha cercato da subito il placet degli Stati Uniti nella sua lotta contro i «secessionisti» uiguri del Xinjiang, peraltro senza troppo successo. Il fatto poi che il governo di Pechino sia stato, insieme alla Russia, membro fondatore prima dello «Shanghai Five» e poi dell’Organizzazione della cooperazione di Shanghai (Osc), conferma e rafforza i leader cinesi nella determinazione ad applicare, da ormai quasi un decennio, le politiche repressive previste dalla campagna del «Colpisci duro, massima pressione» (yanda). Teorizzata già nel 1983 e annunciata ufficialmente nell’aprile del 1996 dai due colonnelli Qiao Liang e Wang Xiangsui, autori del celebre testo di strategia Guerra senza limiti, tale campagna si svolse tra l’ottobre dello stesso anno ed il gennaio 1999 per porre fine al clima di rivolta che aveva investito la provincia tra il 1990 (rivolte di Baren e Aqsu) ed il 1997 (insurrezione di Yining/Gulja). Il fine dichiarato di questa campagna è stato sin dall’inizio combattere la corruzione e le attività illegali. Ma nel caso specifico del Xinjiang ha finito col corrispondere alla lotta al «separatismo» (leggi: nazionalismo uiguro) e alle attività religiose non autorizzate dal governo. Già mesi prima degli avvenimenti dell’11 settembre 2001 le operazioni militari nella regione vennero intensificate, portando all’arresto arbitrario di centinaia di semplici cittadini e all’esecuzione di 480 persone nel solo mese di aprile del 2001. In questa sua guerra Pechino si serve dei bingtuan, i famigerati corpi di produzione e costruzione (Xinjiang shengchan jianshe bingtuan). Inizialmente costituiti da reparti congedati dell’esercito nazionalista e inquadrati con truppe comuniste, an- D 187 IL SOGNO DEL TURKESTAN ORIENTALE 188 cora oggi hanno il compito di presidiare le aree incluse a cavallo del Tian Shan, le steppe della Zungaria e le città lungo la direttrice Ürümqi-Pechino. A queste minacce per la sicurezza nazionale, il governo ha risposto erigendo un «grande muro d’acciaio» contro tutti i gruppi di ispirazione islamica, attivi sia nello stesso Xinjiang che negli Stati confinanti, specie dopo il crollo dell’Unione Sovietica. L’aspetto transnazionale dell’irredentismo del Turkestan Orientale è dovuto infatti tanto alla presenza di comunità uigure, kazake e kirghise oltre confine (Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Afghanistan) quanto alla comune appartenenza culturale e linguistica dei popoli turcofoni dell’intera Asia centrale. In particolare, dopo il crollo dell’Urss molti uiguri ritenevano che fosse giunto il momento di creare un proprio Stato sovrano, un «Uiguristan», così come esistevano un Kazakistan, un Kirghizistan o un Uzbekistan. La strategia del governo di Pechino per gestire i confini etnici e limitare i movimenti panuigurici nella Regione autonoma del Xinjiang consiste nell’alimentare il conflitto culturale esistente tra gli uiguri delle città delle oasi ed i kazaki, presenti soprattutto nel distretto autonomo di Ili-Kazakh, e gli altri nomadi (kirghisi e mongoli). Dagli anni Ottanta la presenza dei kazaki nel governo locale supera di gran lunga quella degli uiguri, facendone, dopo questi ultimi, il più potente gruppo etnico dell’intera Regione autonoma. Di conseguenza gli uiguri hanno generalmente scarsa fiducia verso i loro rappresentanti, mentre tutte le altre minoranze tendono ad avere un grande rispetto politico per i kazaki. In questa definizione rientrano alcuni gruppi accusati di voler minare l’integrità dello Stato cinese e la pacifica convivenza fra le diverse nazionalità (in cinese minzu, in uiguro millät). Con finalità talvolta molto diverse, essi mirano a porre fine alla dominazione cinese, sviluppata attraverso una massiccia immigrazione di genti han provenienti dalla Cina interna. Questo processo è cominciato nel 1759, in seguito alle guerre che portarono alla scomparsa del regime dei khoja nel Turkestan Orientale (1678-1759), per ave¯ re poi uno stallo tra l’emirato indipendente di Ya‘qûb Beg in Kasgharia (1864-1877) ed il 1884, quando la regione venne ribattezzata Xinjiang («Nuovo Territorio»). Tuttavia, solo con l’annessione della regione alla Repubblica Popolare si è determinato un flusso migratorio costante. Dopo l’annessione della Repubblica Islamica del Turkestan Orientale (1944-49) da parte della Repubblica Popolare Cinese (1° ottobre 1949), la variazione demografica nel Xinjiang è in costante mutamento in favore degli han. Nel periodo 1949-85 gli immigrati han inviati in Xinjiang erano per lo più soldati dei bingtuan. Dal 1985 ad oggi, gli han sono diventati la seconda etnia del Xinjiang, soppiantando i kazaki. Negli anni gli insediamenti dei bingtuan, destinati a costruire impianti per l’irrigazione del terreno, hanno costituito la testa di ponte per la nuova immigrazione. Oggi, dopo decenni di vita isolata, gli han immigrati in Xinjiang hanno sviluppato una propria identità, distinta da quella degli altri han, visti come minaccia al lavoro svolto in più di cinquant’anni. Il nuovo flusso migratorio (19852001) ha visto passare gli han dal 6,1% del 1953 al 37,6% del 1990, contro un calo generale delle minoranze. Ad esempio gli uiguri, considerati la minoranza più rap- CINDIA, LA SFIDA DEL SECOLO presentativa, sono passati nello stesso lasso di tempo dal 74,7% al 47,5% della popolazione totale di quasi 16 milioni. Ad Ürümqi, la capitale provinciale, nel solo biennio 1998-2001 gli han sono passati dal 75% al 95% della popolazione. Questa situazione fa sì che uiguri, kazaki e altre popolazioni si sentano come «stranieri nella propria terra». L’immissione di forza lavoro dalle regioni interne della Cina è dunque il principale strumento usato da Pechino per l’assimilazione delle minoranze o, nei termini della propaganda governativa, per creare una «madrepatria» senza distinzioni etniche e sociali. Ma nonostante gli sforzi di Pechino per acculturare le minoranze islamiche della regione, gli stessi uiguri che vivono e lavorano nelle grandi città, nonostante parlino cinese e desiderino essere equiparati ai loro colleghi cinesi, ritengono inconcepibile il matrimonio con una donna han. In questo processo di assimilazione Pechino ha un prezioso alleato; gli hui o dungani (han musulmani), popolazione di origine mista turco-persiana e cinese del Gansu, che da secoli funge da tramite culturale tra il governo centrale e le popolazioni turco-islamiche. Questa doppia identità rende gli hui invisi sia agli han che alle popolazioni turche del Xinjiang. Gli uiguri in particolare non hanno dimenticato l’invasione della prima repubblica turco-islamica del Turkestan Orientale (1933-36) da parte delle truppe hui del signore della guerra del Gansu, Ma Zhongying. Oggi gli hui, nonostante siano i principali sostenitori di un «islam di Stato», sono vittime insieme alle altre minoranze islamiche della campagna per «l’apertura dell’Occidente» (xibu da kaifa), come dimostrano le recenti sommosse nella città di Xi’an, nella Mongolia interna e nel Guangdong. La discriminazione economica e sociale prodotta dall’immigrazione han colpisce gli interessi della popolazione locale. Le poste in gioco e le partite aperte nel Xinjiang vanno dallo sfruttamento incontrollato delle immense risorse naturali (gas, petrolio e acqua) del Bacino del Tarim, al degrado ambientale provocato dagli esperimenti nucleari nella regione di Lop Nor, all’assimilazione culturale condotta non solo attraverso la già citata immigrazione e la segregazione culturale, ma anche per mezzo della rilettura sinocentrica della storia e della riproposizione in chiave folcloristica della vita degli abitanti originari della regione, che gli abitanti del Turkestan Orientale, soprattutto gli uiguri, chiamano da millenni «la nostra terra, il nostro territorio». Certo, gli uiguri di oggi non sono affatto gli stessi che fondarono il grande impero uiguro tra l’VIII e il IX secolo. I vari regni turco-mongoli che si alternarono nella regione tra il XIV e il XVII secolo videro negli uiguri dei fratelli da convertire all’islam (erano stati infatti tra i più prolifici produttori di testi manichei, nestoriani e buddhisti fino al XIV secolo, e ancora alla metà del XV erano in larga parte buddhisti). Con la conversione all’islam, il termine «uiguro» scomparve, per essere sostituito tra il XVI e il XVIII secolo da definizioni quali sart (in persiano sârt vuol dire «mercante», «carovaniere») o taranchi (termine turco chagataico indicante i contadini delle oasi del Bacino del Tarim, trasferiti nella Valle dell’Ili sotto il regno dell’imperatore Qianlong). Il termine venne riutilizzato solo a partire dal 1933, 189 IL SOGNO DEL TURKESTAN ORIENTALE quando il governatore nazionalista Sheng Shicai (1933-44), su consiglio del diplomatico sovietico Garegin Apresov, volle così designare gli abitanti del Bacino del Tarim, basandosi sulle stesse formule storico-linguistiche adottate da Lenin per definire i popoli dell’Asia centrale negli anni Venti. Tuttavia il termine apparve per la prima volta su un documento ufficiale durante una riunione dei rappresentanti degli uiguri a Tashkent nel 1921. Fino ad allora e per molto tempo ancora dopo quella data, la popolazione della regione (esclusi i nomadi kazaki e kirghisi e le altre minoranze) si autoidentificava in base alla città o all’oasi di provenienza, ad esempio Khotanliq (di Khotan), Turpanliq (di Turfan), Kashkaliq (di Kashgar), o in base alla categoria culturale: Turkî se si riferiva all’appartenenza linguistica, Taranchi o Sart-kalmuk a quella sociale. 2. I veri fattori unificanti per le genti turche che abitano il Xinjiang, a prescindere dalla appartenenza etnica o culturale (siano uiguri delle città o nomadi kazaki o kirghisi), sembrano essere l’islam e la lingua uigura (o più correttamente turkî, ossia turca). Coloro che si battono per uno Stato indipendente nel Turkestan Orientale si dividono in diversi gruppi e movimenti. Tra le varie versioni dell’indipendentismo turkestano se ne possono distinguere almeno quattro, talvolta presenti nello stesso movimento: panturchismo, panislamismo, autonomismo e assimilazionismo. Il panturchismo ed il panislamismo sono tornati fare proseliti in tutto il Turkestan in seguito al crollo dell’Unione Sovietica. La ricomparsa dell’ideologia panturca si deve alla volontà politica della Turchia di sostituirsi all’Unione Sovietica nel ruolo di potenza egemone in Asia centrale. Questa aspirazione, ancora oggi viva nei pensieri e nelle azioni di alcuni politici turchi, tra i quali lo stesso ministro degli Esteri Abdullah Gül, si è ridotta negli ultimi anni a progetti più pragmatici, che vanno dalla creazione di scuole e università negli Stati «fratelli» della regione alle jointventure con le compagnie petrolifere di Stato cinesi. Anche il panislamismo si è diffuso negli ultimi anni grazie alla propaganda di intellettuali turchi, facilitati in questo dalla diffusione della confraternita mistica della Naqshbandiya in tutta l’Asia centrale. Autonomismo e assimilazionismo costituiscono invece una risposta locale all’aggressione politica, economica e culturale messa in atto dal governo di Pechino. L’autonomismo è visione più diffusa tra la cosiddetta «maggioranza silenziosa», ossia coloro che non hanno i mezzi economici o culturali per potersi contrapporre al dominio sociale e culturale esercitato dagli han. Vicini a questa corrente sono gli oppositori più o meno passivi, soprattutto giovani universitari, che con atti provocatori verso le autorità cercano di coinvolgere proprio la «maggioranza silenziosa» in proteste su larga scala. La tendenza è inoltre diffusa tra numerosi movimenti che operano in Europa. Vi è poi una piccola percentuale di uiguri favorevole alla prospettiva dell’assimilazione in una provincia dominata dagli han. Sono soprattutto uomini tra i trenta e i quarant’anni, educati in cinese, che parlano il cinese nella vita di tutti i giorni. 190 CINDIA, LA SFIDA DEL SECOLO Un’ulteriore distinzione va fatta tra i gruppi che conducono una lotta armata (un’esigua minoranza) e quelli che si battono invece per una soluzione pacifica. Sebbene il fine delle organizzazioni uigure sia il più delle volte la separazione del Turkestan Orientale dalla Cina, negli ultimi quindici anni, ossia dall’insurrezione di Baren (5 aprile 1990) all’attentato di Osh in Kirghizistan (8 maggio 2003), solo di rado gli attivisti uiguri sono ricorsi alla violenza per affermare questo principio. Da indagini condotte dal Dipartimento di Stato americano e dal Centro di studi internazionali di Shanghai oggi sappiamo che vi sono diversi gruppi armati che operano sia nel Xinjiang che negli Stati confinanti, soprattutto in Kazakistan e in Kirghizistan. Il 21 gennaio 2002 l’Ufficio informazioni del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese pubblicò un articolo sul terrorismo in Turkestan Orientale, in cui si dichiarava che «la gran parte delle esplosioni, degli assassini e degli altri atti terroristici avvenuti in Xinjiang negli ultimi anni sono correlati a queste organizzazioni». Venivano menzionati i due movimenti terroristici considerati tra i più rappresentativi della lotta armata contro il governo di Pechino: lo East Turkestan Islamic Movement e la Eastern Turkestan Liberation Organization. Lo East Turkestan Islamic Movement (Etim; in turco Shärqiy Türkistan Islam Herekiti), noto anche come Eastern Turkestan Islamic Party (Etip; Shärqiy Türkistan Islam Partiyesi), costituisce sicuramente il più noto esempio di movimento indipendentista transnazionale. Il 26 agosto 2002 il Dipartimento di Stato Usa, la Cina e le Nazioni Unite annunciarono che questo gruppo doveva essere incluso nella lista delle organizzazioni terroristiche internazionali. La resistenza organizzata dall’Etim cominciò in seguito all’insurrezione di Baren, anche se il gruppo che sembra aver guidato la rivolta venne identificato come Shärqiy Türkistan Islam Partiyesi. La repressione attuata dal governo in seguito a questa rivolta e a quelle che seguirono per tutti gli anni Novanta costrinse numerosi attivisti uiguri della zona di Kashgar a rifugiarsi in Pakistan, dove da tempo avevano contatti di carattere commerciale. Qui, negli anni tra il 1990 ed il 1996, un certo Hasan Makhsum, noto anche come Ashan Sumut, costituì l’Etim. Nell’ottobre del 1993 Makhsum venne arrestato dalle autorità cinesi con l’accusa di attività terroristiche e messo ai lavori forzati, dove rimase per tre anni. Riuscito a fuggire in Afghanistan nel 1998, organizzò 15 cellule terroristiche per un totale di 150 militanti. Sembra inoltre che la dirigenza dell’Etim abbia avuto stretti contatti con al-Qå‘ida e che abbia inviato agenti ed armi nel Xinjiang all’inizio del 1998. Pare che lo stesso Makhsum si sia incontrato con Osama bin Laden all’inizio del 1999. Tra il 1999 e il 2001, bin Laden e i taliban fornirono circa 300 mila dollari all’Etim per finanziare le operazioni terroristiche del gruppo. Secondo rapporti del Dipartimento di Stato, in cambio del denaro, bin Laden avrebbe richiesto che l’Etim operasse non solo nel Xinjiang, ma anche in Afghanistan, Uzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan. Almeno in un’occasione Makhsum si sarebbe rifugiato in Afghanistan, usando un passaporto fornitogli dai taliban. Nell’ottobre 2003, Hasan Makhsum sarebbe stato ucciso da militari pachistani durante un’incursione contro un insediamento di al-Qå‘ida nella zona tribale tra Pakistan e Afghanistan. 191 IL SOGNO DEL TURKESTAN ORIENTALE 192 Il governo di Pechino ritiene che l’Etim sia una parte fondamentale dell’organizzazione diretta da bin Laden, contribuendo alle sue attività con un fantomatico «Battaglione cinese». Stando ai rapporti del Dipartimento di Stato, non risultano tuttavia attività terroristiche attribuibili a questo gruppo prima del 2002. Quando il 26 agosto 2002 il vicesegretario di Stato Richard Armitage, allora in visita a Pechino, dichiarò che l’Etim costituiva il gruppo terroristico più pericoloso tra quelli attivi in Asia centrale, la notizia giunse inaspettata persino al Pacific Asia Command del ministero della Difesa degli Stati Uniti, che nel suo Special Report del settembre 2001 non solo non menziona l’Etim, ma sostiene che «non c’è un singolo gruppo identificabile ma c’è un’opposizione violenta coordinata e forse guidata da gruppi di esuli e da organizzazioni interne al Xinjiang» e che non vi è alcuna prova che l’Etim avesse pianificato un attacco contro l’ambasciata americana a Bishkek. Tuttavia Washington ha accusato l’Etim di essere responsabile di oltre duecento atti di terrorismo in Cina; nel giugno 2002 sono stati identificati come appartenenti all’Etim almeno due dei sei detenuti uiguri di Guantanamo. Il movimento conta al suo interno otto fazioni, operanti sia negli Stati vicini che in Turchia e in Europa. Secondo alcuni analisti, tra gli obiettivi dell’Etim, una volta liberato il Turkestan Orientale dal dominio cinese, vi sarebbe la creazione di uno Stato islamico allargato a parte del Kazakistan, del Kirghizistan e persino del Pakistan. Lo United Revolutionary Front of Eastern Turkistan (Urfet), attivo tra il 1990 e il 2001, è anch’esso considerato responsabile di numerosi attentati terroristici in Cina, compiuti tra il 1990 e il 1997. Guidato dall’ottuagenario Yusupbek Mukhlisi, noto anche come Modan Mukhlisi, il gruppo dichiarava più di 30 unità operanti nella regione. La Organization for the Liberation of Uyghurstan o Uyghur Liberation Organization (Ulo; Uyghur Azatliq Täshkilati) è stata guidata da Ashir Vakhidi (o Hashir Wahidi) e opera sopratutto in Kazakistan. Stando ad alcune dichiarazioni dello stesso Vakhidi, risalenti al 1996, l’organizzazione conterebbe un milione di sostenitori in Xinjiang e 12 mila affiliati negli Stati confinanti. Nel marzo 1998 Vakhidi fu vittima di un attacco congiunto da parte delle forze speciali kazake e kirghise, morendo pochi mesi dopo. Nel 2001 l’organizzazione si fuse con l’Urfet per dare vita allo Uyghurstan People’s Party (Uyghurstan Khälk Partiyesi). Dalla sua base ad Almaty, in Kazakistan, il gruppo si propone di divenire un partito transnazionale, che rappresenti tutti gli abitanti dell’Asia centrale ex sovietica. Il gruppo noto come Lupi di Lop Nor (Lop Nor Bozkurtlari), pur non possedendo un leader riconosciuto, sembra abbia rivendicato la responsabilità di alcuni attentati dinamitardi su treni e autobus compiuti a Pechino tra il 27 febbraio e il 7 marzo 1997, in concomitanza delle celebrazioni per i funerali di Deng Xiaoping. In seguito le stesse autorità cinesi rivelarono che l’attacco era stato pianificato da esuli uiguri in Kazakistan. Benché non ci siano stati incidenti o minacce contro gli impianti nucleari cinesi a Lop Nor, alcuni osservatori cinesi fanno notare che la città CINDIA, LA SFIDA DEL SECOLO di Lop Nor, base dei Lupi, costituisce comunque uno dei più grandi poligoni nucleari della Cina. La Eastern Turkestan Liberation Organization (Etlo; Shärqiy Türkistan Azatliq Täshkilati) è guidata dall’ex giornalista e sceneggiatore televisivo Mehmet Emin Hazret, fuggito in Turchia quando aveva circa quarant’anni. Almeno fino al 2003 questa organizzazione era basata ad Istanbul. In un’intervista telefonica rilasciata al servizio in uiguro di Radio Free Asia, il 24 gennaio 2003, Hazret ammise che si sarebbe potuta rendere necessaria la creazione di un’ala militare dell’organizzazione, per colpire gli interessi cinesi. Egli tuttavia negò ogni precedente attività terroristica ed ogni legame con l’Etim, sostenendo che lo Etlo «non è stato e non sarà mai coinvolto in attività terroristiche dentro o fuori la Cina» ma che «la brutalità del governo cinese potrebbe costringere qualche singolo a ricorrere alla violenza». La Home of East Turkestan Youth, nota anche come «Õamås del Xinjiang», è un gruppo radicale che ha le sue basi in Afghanistan (corridoio del Wakhan). Formato da circa duemila membri, non si sa chi ne sia la guida. Il Free Turkestan Movement, guidato dal noto fondamentalista islamico uiguro Abdulkasim, sembra essere tra i gruppi minori che, insieme all’Etim, hanno guidato l’insurrezione di Baren nel 1990, procurandosi le armi, secondo le autorità cinesi, tramite i mujåhidøn afghani. Esistono poi altre organizzazioni spesso note solo attraverso il loro nome. Alcune di dichiarata ispirazione islamica, quali lo East Turkestan Islamic Party of Allah (Shärqiy Türkistan Islam Allah Partiyesi), ritenuto il gruppo ispiratore degli incidenti di Yining/Gulja del febbraio 1997, lo East Turkestan Islamic Party (Shärqiy Türkistan Islam Partiyesi), la Shock Brigade of the Islamic Reformist Party, gli Islamic Holy Warriors (Islam Müjähitläri), lo East Turkestan Opposition Party (Shärqiy Türkistan Mühaläfät Partiyesi). Altre, come lo Eastern Turkestan International Movement o lo stesso Etlo, decisamente laiche e panturchiste. Tra il 1997 ed il 2001, poi, si sono infiltrate nel Xinjiang alcune organizzazioni terroristiche straniere. Una delle principali è la Tabløghi Jamaat, organizzazione missionaria pakistana che sembra essere responsabile dell’addestramento di numerosi uiguri in Pakistan ed in Afghanistan. Lo Hizb-u ’t-Tahrør (Partito della rinascita islamica) negli ultimi otto anni si è diffuso in tutta l’Asia centrale reclutando numerosi esuli uiguri, soprattutto in Tagikistan (Valle di Fergana). Da qui progetta, con l’aiuto di alcuni separatisti uiguri, di costituire un califfato esteso dal Marocco alla Cina. La Jamaat-i-Islamø (Comunità islamica) è il più grande partito politico islamico del Pakistan ed è guidato da Qazi Hussain Ahmad. Secondo alcuni rapporti del 2001, diverse centinaia di uiguri sarebbero stati addestrati al combattimento dalla Jammat nella regione tra l’Afghanistan e il Kashmir pakistano (Hunza e Gilgit). L’Islamic Movement of Uzbekistan (Imu), legato allo Hizb-u ’t-Tahrør e ad alQå‘ida, fino al marzo 2002, data del suo presunto scioglimento, sembra abbia addestrato diverse centinaia di uiguri nei campi intorno a Mazar-i Sharif. In seguito alla sconfitta dei taliban in Afghanistan e alla morte di Juma Namangani, leader sto- 193 IL SOGNO DEL TURKESTAN ORIENTALE rico del movimento, numerosi membri dell’Imu si sarebbero uniti a dei non ben precisati «separatisti uiguri», per dar vita ad un nuovo movimento. La stessa al-Qå‘ida ha reclutato diverse centinaia di «uiguri» (molti dei quali in realtà erano tagiki del Xinjiang). L’organizzazione è accusata, come abbiamo visto, di aver fornito supporti logistici, armi e finanziamenti a molti dei gruppi sopraccitati, tramite i taliban e i gruppi tribali della regione di Hunza e Gilgit. 3. I movimenti, i gruppi e le associazioni che si battono invece per una soluzione politica di quella che essi considerano l’occupazione cinese del Turkestan Orientale costituiscono il cosiddetto Movimento di liberazione uiguro. Sebbene la lotta contro i cinesi abbia radici antiche, è solo dal 1949, ossia dalla «pacifica» entrata dell’esercito di Pechino nel Turkestan Orientale, che cominciarono a organizzarsi delle formazioni politiche d’opposizione. Da allora migliaia di abitanti del Turkestan Orientale, soprattutto uiguri, kazaki e kirghisi, si rifugiarono inizialmente nei paesi confinanti, dove già vivevano consistenti comunità dello stesso ceppo. Quelli che erano stati i dirigenti della Repub˙ blica Islamica del Turkestan Orientale, come Isa Yusuf Alptekin (Isa Yusup Aliptekin) e Mehmet Emin Buãra (Muhämmäd Imin Bughra), quando non vennero arrestati (come il nazionalista Masud Sabri), furono costretti a prendere la via dell’esilio, che, dopo molte disavventure, li portò in paesi come il Pakistan, l’Arabia Saudita, l’Egitto, la Turchia e la Germania, dando così inizio alla diaspora uigura. ˙ Isa Yusuf Alptekin (1901-1995), nato a Yängihissar, dopo essersi formato in scuole cinesi, interruppe gli studi quando si recò ad Andijan per studiare il russo. Una volta tornato lavorò come esattore delle tasse ed iniziò a studiare il turco in una scuola cinese. Questa sua conoscenza gli permise di entrare in contatto con la comunità islamica locale, di cui presto divenne uno dei membri di spicco. Nel 1932 ebbe l’incarico di rappresentare il popolo del Xinjiang; il suo scopo era di ottenere dal governo centrale l’approvazione di una petizione in cui si chiedeva la piena autonomia e l’interruzione dell’interferenza sovietica nella regione. Nel 1939 venne messo a capo di una missione governativa diretta in India, Afghanistan e altri paesi musulmani. Fu proprio in India che si incontrò con Buãra, il quale lo aiutò a stabilire lì una sede dell’Associazione provinciale del Xinjiang; infatti nei primi anni Quaranta vi erano nell’India britannica millecinquecento rifugiati uiguri e tremila kazaki. A partire dal 1943, Isa e Mehmet cominciarono la loro collaborazione a Qongjing. Il loro intento era, da un lato, convincere i cinesi a cambiare la loro politica verso le minoranze e, dall’altro, creare una coscienza politica nel proprio popolo. Nella capitale di guerra entrambi lavoravano al giornale delle truppe nazionaliste Tian-Shan Hua-pao (Giornale del Tienshan). Dal gennaio del 1944 fecero uscire il mensile Altay. I due continuarono a pubblicare articoli sulla rivista e, nel 1946, ne fondarono una sede ad Ürümqi, dove cominciarono la pubblicazione del Tian-Shan Hua-pao, della rivista sorella Tian-Shan Yue-kan e dell’Altay, pubblicato in cinese e in turkî (turco comune dell’Asia centrale). Dopo l’annessione della Repubblica indipen- 194 CINDIA, LA SFIDA DEL SECOLO IL TURKESTAN ORIENTALE K A Z A K I S T A N XINJIANG RUSSIA MONGOLIA Altay C I N A Z U N G A R I A Karamay Almaty Gulja (Yining) Bishkek KIRGHIZISTAN Aqsu T I A N Ürümqi Turpan S H A N Bacino del Tarim Lop Nor G a n s u TA G I K I S TA N Kashi X i n j i a n g C Khotan K U N L U N S H A N I A N LT U SH AN N A C i n g h a i PA K I S TA N Giacimenti di petrolio Area usata per esperimenti nucleari Il Turkestan orientale T i b e t INDIA dente Alptekin giunse in Turchia nel 1955 dall’India, nel 1961 creò ad Istanbul la Associazione degli emigrati del Turkestan Orientale (Doãu Türkistan’ın Göçmenleri Kurumu), primo nucleo della futura Eastern Turkestan Foundation (Doãu Türki˙ stan Vakfı). Morto il 17 dicembre 1995 all’età di 94 anni, Isa Yusuf Alptekin è considerato in Turchia un eroe nazionale. Il suo libro più celebre, Doãu Türkistan davası (La questione del Turkestan Orientale) è ancora oggi un bestseller. A lui sono state dedicate vie e parchi in tutte le più importanti città della Turchia. Mehmet Emin Buãra (Khotan 1901-Istanbul 1965) era figlio dell’emiro locale. Una volta laureatosi all’Università islamica di Karashahr nel 1921, vi divenne professore di Civiltà islamica prima ed in seguito, negli anni 1924-31, preside della stessa facoltà. Con la nascita della Repubblica Islamica del Turkestan Orientale, nel 1933, egli ne divenne primo ministro e comandante in capo delle Forze armate, fuggendo in India all’avanzata dei volontari dell’Altay. Qui venne arrestato, nel 1936, in quanto agitatore politico comunista. Quando una delegazione cinese visitò ˙ l’Afghanistan, nel 1939, Mehmet ne incontrò il capo, Isa Yusuf Alptekin. Una volta tornato a Qongjing, Alptekin convinse il Kuomintang ad acconsentire al ritorno di Buãra, in quanto alleato potenziale del partito. Con l’aiuto del rappresentante del ministero degli Esteri cinese in India, Mehmet riuscì a partire per Qongjing, dove 195 IL SOGNO DEL TURKESTAN ORIENTALE 196 giunse nell’aprile del 1943. Nella capitale egli entrò a far parte della Associazione dei popoli del Xinjiang, che si batteva per il riconoscimento, da parte del governo, di uno statuto speciale per la provincia, così come la dichiarazione sulle nazionalità di Sun Yatsen prevedeva per la Mongolia interna e per il Tibet. Grazie ai suoi contatti con lo Xinjiang, Mehmet venne nominato al Comitato per l’assemblea nazionale cinese nel 1943, continuando tuttavia ad esprimere opinioni forti sull’autonomia del Xinjiang. A partire dall’anno seguente cominciò ad esprimere le sue idee sulle pubblicazioni filogovernative della casa editrice Altay (Altay Nejuniyat Öyü), fondata dall’amico e collaboratore Alptekin. Buãra e Alptekin lasciarono Ürümqi con un gruppo di cento persone alla fine di settembre del 1949, dopo che il governo della Repubblica aveva passato le consegne all’esercito cinese; per la fine di ottobre raggiunsero la città di Kagarlik, seguiti da un altro migliaio di profughi. Dopo un difficile attraversamento dello Himalaya, l’11 dicembre raggiunsero il confine indiano. Entrati in India come rifugiati, alcuni scelsero di andare a Taiwan, mentre i più nazionalisti, tra cui Alptekin e Buãra, scelsero la Turchia. Nel marzo del 1952, in accordo con l’Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite, la Turchia concesse l’asilo politico a circa duemila rifugiati turkestani orientali provenienti da India e Pakistan. L’anno seguente furono ugualmente accolti duecento kazaki del Turkestan Orientale provenienti dal Kashmir e settecento uiguri provenienti dal Pakistan. Vennero insediati in quartieri appositamente costruiti ad Istanbul (Zeytinburnu e Küçük Çekmece). La Eastern Turkestan Foundation (Doãu Türkistan Vakfı) venne creata ufficialmente nel 1986, e da allora è diretta dal generale d’artiglieria a riposo Mehmet Rıza Beikin (vedi intervista in appendice). La fondazione da lui presieduta costituisce oggi la più importante organizzazione indipendentista del Turkestan Orientale nell’area della Turchia e del Vicino Oriente, tanto che costituisce il principale referente anche per le varie fondazioni con sedi nei paesi arabi, come la Fondazione per il Turkestan Orientale del Regno d’Arabia Saudita. La fondazione, oltre a tenere corsi e conferenze sulla storia e la cultura del Turkestan Orientale, offre borse di studio per gli studenti provenienti dal Xinjiang, in collaborazione con l’Università statale di Istanbul Beyazıt. La fondazione pubblica anche un trimestrale, la Voce del Turkestan Orientale (Shärqiy Türkistan Avazi/Doãu Türkistan’nın Sesi). Questa rivista, dichiaratamente a favore della tesi nazionalista turca, veniva inizialmente pubblicata in turco di Turchia e in uiguro, ora è disponibile anche in arabo e in inglese. La fondazione ha anche curato stampa e diffusione del libro di propaganda anticinese Doãu Türkistan’nın Tarihi (Shärqiy Türkistan Tarikhi, Storia del Turkestan Orientale). Il personaggio più importante della diaspora uigura oggi è Erkin Alptekin, fi˙ glio di Isa Yusuf Alptekin. Nato a Lanzhou, nella Provincia del Gansu, il 4 luglio 1939, quando le truppe comuniste presero possesso del Xinjiang, Erkin Alptekin fuggì col padre in India, dove frequentò la scuola dei padri irlandesi a Srinagar. Nel 1955, anno della creazione della Provincia autonoma del Xinjiang-Uyghur (in cinese Xinjiang-Weiweur Zizhiqu), giunse con il padre ad Istanbul, dove lavorò al- CINDIA, LA SFIDA DEL SECOLO la Gümüsmotör insieme al futuro primo ministro Necmettin Erbakan, legato an¸ ch’egli alla confraternita della Naqshbandiya. Nel 1970 si recò a Monaco di Baviera per lavorare a Radio Liberty, l’equivalente per la Cina di Radio Free Europe. Divenuto responsabile della programmazione in uiguro, aiutò numerosi universitari e militanti uiguri ad ottenere asilo politico, facendoli passare per rifugiati uzbeki. In quei primi anni scrisse anche il suo libro più noto: I turchi uiguri (Uygur Türkleri). Nel 1979, in seguito alla normalizzazione dei rapporti tra Stati Uniti e Repubblica Popolare Cinese, il servizio in uiguro venne chiuso. Nel 1983, insieme ad altri esuli provenienti dalla Turchia, Alptekin fondò la East Turkestan Union of Europe, al fine di dare voce alla piccola ma influente comunità uigura presente in Germania già dagli anni Cinquanta. La East Turkestan Union of Europe venne da allora presieduta da Asgar Can, fratello del celebre Enver Can. Il 6 dicembre 1992 Erkin Alptekin, insieme a Mehmet Rıza Bekin, organizzò ad Istanbul il primo Congresso nazionale uiguro. Alptekin è stato inoltre tra i fondatori e presidente della Unrepresented Nations and Peoples Organization (Unpo), nota anche come le «Nazioni Unite» dei popoli senza Stato. Oggi l’Unpo è una tra le organizzazioni più accreditate internazionalmente nel sostegno alla causa del Turkestan Orientale. Si è sempre pronunciata per una soluzione politica dei contrasti tra Repubblica Popolare Cinese e uiguri. Lo East Turkestan (Uyghuristan) National Congress (Etnc) – Shärqiy Türkistan (Uyghurstan) Milliy Qurultiyi – fondato a Monaco di Baviera il 16 ottobre 1999, è il risultato dell’unione di diciotto organizzazioni della diaspora uigura, tra le quali la East Turkestan Union of Europe di Asgar Can. L’Etnc ha svolto un ruolo fondamentale nella diffusione di notizie sull’oppressione degli uiguri in Turkestan Orientale. Ha organizzato fra l’altro una conferenza presso la sede del Parlamento europeo, con la collaborazione del Partito radicale transnazionale. Alla conferenza, tenutasi il 17-18 ottobre 2001, oltre allo stesso Can parteciparono diversi rappresentanti di associazioni e partiti transnazionali, tra cui lo stesso Erkin Alptekin, causando una protesta formale da parte di Pechino. Tra i molti punti della risoluzione conclusiva vennero fortemente condannati gli attentati terroristici dell’11 settembre; fu ricordato che la lotta per la libertà che il popolo uiguro combatteva da più di cinquant’anni non aveva nulla a che fare con il terrorismo internazionale; venne condannato il «terrorismo di Stato» perpetrato da Pechino in Turkestan Orientale e infine si auspicò la creazione di un programma di aiuto per lo sviluppo delle comunità uigure di alcuni Stati dell’Asia centrale (Kazakistan, Kirghizstan e Uzbekistan), la cui amministrazione sarebbe stata affidata allo Etnc. Un’altra importante organizzazione degli ultimi anni è il World Uyghur Youth Congress, nato a Monaco di Baviera in seguito ad una conferenza che tra il 9 e il 12 novembre del 1996 ha visto la partecipazione di 51 rappresentanti dei giovani esuli uiguri, provenienti da 19 paesi. Al termine della conferenza venne eletto presidente del Congresso un certo Dolkun Isa (Dolqun Isa), attivista uiguro fuggito dal Xinjiang nel dicembre del 1996 e accolto in Germania come rifugiato il febbraio seguente. Egli dichiarò che il gruppo respingeva la violenza come mezzo di 197 IL SOGNO DEL TURKESTAN ORIENTALE lotta politica. Arrestato dalla polizia svizzera il 6 aprile 2005 in quanto privo di documenti validi, Dolkun Isa è oggi ritenuto dalle autorità cinesi uno dei più pericolosi terroristi uiguri. Il 16 aprile 2004 a Monaco di Baviera, lo Etnc ed il World Uyghur Congress si sono fusi nello World Uyghur Congress (Dunya Uyghur Qurultayi), di cui Erkin Alptekin è stato nominato presidente ed Enver Can vicepresidente. Obiettivo dichiarato di questa nuova importante organizzazione è denunciare le violazioni dei diritti umani perpetrate contro gli uiguri dal governo di Pechino e dai regimi repressivi del Kazakistan e del Kirghizistan. Tra le battaglie sostenute da questa organizzazione vi è quella contro il cosiddetto «genocidio culturale» messo in atto da Pechino in seguito alla rivoluzione culturale (1969-77) e applicato in questi ultimi quindici anni con metodo scientifico, investendo non solo la libertà religiosa, ma anche il diritto fondamentale di parlare la propria lingua. L’11 settembre 2004 Erkin Alptekin si recò a Washington per dichiarare che le cause degli uiguri e dei tibetani potevano entrambe trovare una soluzione pacifica. Il 14 settembre, sulla Capitol Hill di Washington venne proclamata la nascita del governo del Turkestan Orientale in esilio, con Ahmet Egamberdi presidente. Un’altra organizzazione che da anni denuncia le politiche repressive cinesi è lo Eastern Turkestan Information Center (Etic). Diretto da Abduljelil Karakash (Abduljälil Qaraqash) sin dalla sua fondazione nel 1999, con i suoi siti Internet e la sua stazione radio inneggianti all’indipendenza del Turkestan Orientale, è la più strutturata tra le organizzazioni che hanno sede in Europa (Monaco di Baviera). Ha rappresentanze in tutti i paesi del mondo, dagli Stati Uniti all’Australia e all’Arabia Saudita. La sua associazione è stata accusata dal governo cinese di ricevere finanziamenti da al-Qå‘ida. Negli Stati Uniti sono presenti diverse associazioni e gruppi di sostegno alla causa uigura. La Uighur American Association (Uaa) venne fondata il 23 maggio 1998 a Washington in seguito al primo Congresso uiguro americano. La crescente immigrazione di uiguri negli Stati Uniti è alla base dei congressi tenutisi fino ad oggi. Il 26 maggio 2002 venne nominato presidente Alim Seitoff, giornalista giunto negli Stati Uniti dal Kazakistan nel 2000, dal 2004 direttore generale. Lo Eastern Turkestan National Freedom Center (Etnfc), con sede a Washington, è diretto da Anwar Yusuf Turani, nato in un campo di lavoro ad Artush, nel 1962. Dopo aver trascorso alcuni anni in Turchia (fu ospite dell’Associazione degli emigrati del Turkestan Orientale tra il 1983 ed il 1986), al suo ritorno in Xinjiang fu accusato di attività controrivoluzionarie. Dopo essere tornato in Turchia, nel 1988 giunse negli Stati Uniti, dove ottenne lo status di rifugiato politico. Nel 1995 fondò l’Etnfc, un’organizzazione che si propone di «istruire il pubblico americano sulla storia, la cultura e l’attuale situazione politica del popolo uiguro nel Turkestan Orientale». Il 4 giugno 1999 Turani si incontrò con l’allora presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, in occasione del decimo anniversario del massacro di piazza Tiananmen. 198 CINDIA, LA SFIDA DEL SECOLO Quella è terra turca Mehmet Rıza BEKIN, leader dei turkestani orientali, a cura di Federico DE RENZI Conversazione con l’ufficio del generale d’artiglieria a riposo Mehmet Rıza Bekin, presidente della Eastern Turkestan Foundation (Doãu Türkistan Vakfı), con sede ad Istanbul, all’in˙ terno del complesso della moschea di Damat Ibrahim Pasa, nei pressi dell’Univer¸ sità Statale di Beyazıt. Il generale, già presidente onorario dello East Turkestan National Congress, dall’aprile 2004 parte del World Uyghur Congress insieme al World Uyghur Youth Congress, da decenni si batte per il riconoscimento del Turkestan Orientale. È inoltre nipote di colui che fu il primo presidente della Repubblica Turco-Islamica del Turkestan Orientale del 1933-34: l’ultimo emiro di Khotan, Mehmet Emin Buãra (Muhämmäd Imin Bughra). Mehmet Rıza Bekin, nato a Khotan nel 1925, nel 1934 si rifugiò con la famiglia a Kabul, per sfuggire alle armate dei Dungani di Ma Zhongying. Il signore della guerra del Gansu tra il giugno del 1931 ed il giugno del 1933 conquistò quasi tutto lo Xinjiang, costringendone i leader a fuggire all’estero. Date le ottime relazioni diplomatiche allora esistenti tra la Turchia e l’Afghanistan, Mehmet Rıza Bekin, grazie all’interessamento del console Memduh S ¸evket Esendal, amico dello zio, venne inviato in Turchia nel 1938. Dopo aver frequentato con profitto il Liceo militare di Maltepe, l’Accademia militare e la Scuola d’artiglieria, una volta diplomatosi nel 1948, tra il 1950 ed il 1953 ha servito come ufficiale d’artiglieria in Corea, ricevendo la medaglia del Ghazi. Tra il 1959 ed il 1973 ha svolto corsi di perfezionamento in Germania e negli Stati Uniti. Tra il 1959 ed il 1961 è stato addetto militare presso l’ambasciata della Repubblica di Turchia a Teheran. Brigadiere generale dal 1973, lo stesso anno venne assegnato alla Cento Military Planning Headquarters Operation Presidency. Durante l’invasione sovietica dell’Afghanistan è stato consulente generale del Centro d’addestramento delle Nazioni Unite per lo sminamento ad Islamabad (1979-1982). Dal 1986, anno della creazione della fondazione, è presidente del Doãu Türkistan Vakfı. LIMES Qual L’ INTERVISTA È STATA REALIZZATA NEL- è lo scopo principale della vostra organizzazione? 199 IL SOGNO DEL TURKESTAN ORIENTALE 200 della Eastern Turkestan Foundation (Doãu Türkistan Vakfı) è far sì che si riconosca che esiste il Turkestan Orientale e non lo Xinjiang. Il Turkestan Orientale è una terra storica, con più di duemila anni di storia. È un’antica terra turca, centro della civiltà in Alta Asia. Una terra che sfortunatamente venne occupata dagli imperatori cinesi nel 1759, e da allora è ancora occupata dai cinesi. La popolazione del Turkestan Orientale non è cinese. Non c’è nessuna relazione, nessun legame con la Cina. È un paese totalmente differente. Per lungo tempo la gente del Turkestan Orientale ha vissuto in buoni rapporti di vicinato con la Cina, ma dopo l’occupazione i rapporti sono peggiorati. La popolazione del Turkestan Orientale è di origini turche. Sono turchi (uiguri, kazaki, kirghizi, uzbeki eccetera), tutti popoli dello stesso ceppo. Noi riconosciamo la nostra terra come la terra madre turca. Di conseguenza cerchiamo di far riconoscere il nostro paese, la nostra nazione. Noi siamo un diverso paese, una diversa nazione rispetto alla Cina. Il primo scopo di questa fondazione è far sì che si riconosca – nel mondo islamico, in Europa, in tutto il mondo – il nostro paese, la nostra gente. Per istruire la gente abbiamo quindi creato delle borse di studio. Ogni anno quasi venti studenti vengono invitati dal Turkestan Orientale in Turchia. Vengono ospitati dalle università, dove usufruiscono delle borse di studio offerte dallo Stato. Pubblichiamo inoltre un quadrimestrale, la Voce del Turkestan Orientale (Shärqiy Türkistan Avazi/Doãu Türkistan’nın Sesi). Questo trimestrale era inizialmente pubblicato in turco e in uiguro, ora anche in arabo e in inglese Mano a mano abbiamo cominciato a pubblicare libri e a organizzare attività sociali, con conferenze in altri paesi sulla situazione che vive la popolazione del Turkestan Orientale e sulle sue origini. LIMES Quanti rifugiati del Turkestan Orientale vivono oggi in Turchia? BEKIN Non possiamo dare nessuna cifra perché la Turchia è per noi una seconda patria. A più riprese sono venuti qui in Turchia diversi profughi, in seguito all’occupazione comunista del 1949. In Turchia vivono oggi circa 5 mila turkestani. Ma spesso dopo essere giunti in Turchia sono andati in Arabia Saudita, in Europa o negli Stati Uniti. Molti miei amici vivono in Europa. Non conosciamo l’esatta entità della presenza uigura al di fuori del Turkestan Orientale. Quando lo scorso settembre il corrispondente del Financial Times venne a trovarmi, mi chiese quanti uiguri vivevano in Turchia. Gli risposi che in Turchia vivevano settantacinque milioni di uiguri, perché per noi la Turchia è una seconda patria. Noi cerchiamo di dare aiuto ai rifugiati attraverso questa fondazione. Ad esempio, gli studenti che vengono qui con una borsa di studio non devono pagare niente. E, una volta accolti, come prima cosa ricevono il permesso di soggiorno. LIMES Gli uiguri che sono giunti e giungono in Turchia dal Kazakistan, dal Kirghizistan e dagli altri Stati dell’area, una volta qui riescono a mantenere delle relazioni, anche politiche, con i loro fratelli rimasti in patria? BEKIN Gli uiguri provenienti dal Kazakistan, dal Kirghizistan, dall’Uzbekistan e dagli altri Stati vicini vivono una situazione molto difficile nei loro paesi, a causa dei lo- BEKIN L’obiettivo CINDIA, LA SFIDA DEL SECOLO cali regimi repressivi, tanto più che questi regimi hanno ottime relazioni con la Cina. Nei loro paesi vivono in un continuo stato di ansia. È quindi naturale che cerchino di venire in Turchia, dove non sono visti come rifugiati, ma solo come nuovi venuti (göçmenler), dove sanno di ottenere facilmente un permesso di soggiorno e sono liberi di lavorare. Una volta qui noi li aiutiamo a mantenere i contatti attraverso le nostre pubblicazioni. È ovvio che non possono avere contatti diretti, data la situazione politica nei loro paesi. LIMES Secondo lei quanto pesano le differenze sociali tra i tre gruppi sociali della diaspora uigura, ossia intellettuali, mercanti e gente comune? BEKIN Gli uiguri provenienti dal Kazakistan e dal Kirghizistan sono le persone con il più alto livello culturale tra i cittadini dei loro paesi, a differenza di coloro che provengono dal Turkestan Orientale. Nonostante queste differenze tra i vari livelli culturali, una volta giunti in Turchia non notano una gran differenza con la gente che abita qui, neanche se si tratta degli abitanti dei villaggi dell’Anatolia. Infatti, nonostante il Turkestan Orientale sia molto lontano dalla Turchia, ogni abitante di questo paese impara a conoscere, sin dalla scuola, la storia del Turkestan Orientale, i suoi antichi testi, come il Divân-i Lügat-i Türk di Mahmud di Kashgar, il Qutadghu Bilig o i testi mistici di Ahmed Yesevi. Grazie anche alle trasmissioni televisive e radiofoniche, ogni turco conosce le tradizioni e la vita degli abitanti del Turkestan Orientale, come la cucina o l’abbigliamento. LIMES Che cosa pensa dunque delle politiche di colonizzazione del Turkestan Orientale, in particolare di regioni come il bacino del Tarim o di città come Ürümqi o Altay, messe in atto dal governo cinese? BEKIN Quando lo scorso settembre venne a trovarmi il corrispondente del Financial Times, Christian Tyler, mi disse che non vi era nemmeno un portiere uiguro. In tutta la città non incontrò che pochissimi uiguri. Da quello che so, più dell’90% della popolazione di Ürümqi oggi è cinese. In Cina molti disperati provenienti dalle regioni interne, persino ex galeotti, vengono incoraggiati, anche attraverso sovvenzioni statali, a recarsi in Turkestan Orientale, divenendo così la maggioranza della popolazione cittadina. Il vero pericolo è costituito dalla assimilazione che il governo mette in atto attraverso gli immigrati, sostenendo i matrimoni misti, così da poter realizzare il processo di assimilazione senza troppi sforzi. L’immigrazione dalla Cina interna ha poi portato la diffusione di malattie come la Sars e l’Aids. La nostra terra ha oggi purtroppo il più alto tasso di contagio da Hiv di tutta la Cina. LIMES Che cosa pensa quindi del fatto che nelle città come Ürümqi o Khotan la popolazione tra i sei ed i quattordici anni conosca e parli solamente il cinese han? BEKIN È una situazione drammatica. Del resto, oltre ai matrimoni misti, il governo non solo impedisce che nelle scuole superiori si parlino le lingue native, come l’uiguro, ma per accedere alle università e dunque per entrare nel mondo del lavoro è necessario conoscere il cinese. A chiunque non conosca la lingua ufficiale del paese è preclusa ogni possibilità di avere un futuro. 201 IL SOGNO DEL TURKESTAN ORIENTALE LIMES Date queste premesse, cosa crede che accadrà nei prossimi anni in Turkestan Orientale? BEKIN Noi crediamo che il regime comunista non durerà ancora a lungo, dato che i cinesi democratici che vivono e operano al di fuori della Cina (mi riferisco alle comunità cinesi degli Usa e a Taiwan) stanno dimostrando come gli stessi cinesi siano contrari al regime comunista, che è repressivo prima di tutto verso gli stessi cinesi. L’unica speranza è che si verifichi una svolta democratica dal basso, portata avanti dal popolo cinese. LIMES L’opposizione democratica cinese e le altre voci di dissenso interne ed esterne alla Cina, come gli esuli tibetani o i rifugiati della Mongolia Interna, come vedono la creazione, nell’aprile dello scorso anno, del World Uyghur Congress? BEKIN Tutti coloro che si oppongono al regime di Pechino hanno sempre sostenuto le 17 associazioni e gruppi che si battono per l’indipendenza del Turkestan Orientale, ora riunite nel World Uyghur Congress. LIMES Quanto gli attentati dell’11 settembre 2001 hanno fatto sì che si aggravasse la situazione dei diritti umani in Turkestan Orientale? Ci riferiamo in particolare alla campagna del «colpisci duro, massima pressione», tuttora in atto in Turkestan Orientale. Quali crede saranno le conseguenze per le popolazioni non ancora investite dal processo di assimilazione? BEKIN Ogni giorno migliaia di persone vengono arrestate in ogni parte del Turkestan Orientale solo perché manifestano la loro identità culturale con gesti come l’andare in moschea o il ritrovarsi nelle piazze per celebrare le tradizioni popolari del Turkestan, con antiche canzoni e danze (mäshräplär). Alla fine del 2001 una studiosa americana di mia conoscenza venne a trovarmi e descrivendomi la situazione che aveva trovato in città come Gulja, Turfan o Khotan si mise a piangere. Nella regione di Lop Nor le operazioni militari nel quadro della campagna del «colpisci duro, massima pressione» e gli esperimenti nucleari hanno letteralmente decimato la popolazione. Temo che se non avverrà il cambiamento politico sperato, la popolazione del Turkestan Orientale, uiguri, kazaki e tutte le altre minoranze, sparirà in quanto popolo distinto entro pochi anni. 202
Fly UP