System is processing data
Please download to view
...

Presentazione Cittadellarte Fondazione Pistoletto 2

by studio-abba

on

Report

Download: 0

Comment: 0

1,075

views

Comments

Description

presentazione Fondazione Pistoletto al convegno Interferenze Meyerart
Download Presentazione Cittadellarte Fondazione Pistoletto 2

Transcript

  • 1. CITTADELLARTE-FONDAZIONE PISTOLETTO associazionedidee-ufficio educazione
  • 2. SULL’EDUCAZIONE...
  • 3. Ogni società cresce il bambino secondo i propri modi e consuetudini, ma in questo momento sono proprio i modi e le consuetudini a dover cambiare e anche profondamente. Se nell’umanità c’è una possibilità di apertura e trasformazione, questa dipende primariamente dall’educazione. Dobbiamo pensare che noi ci siamo formati attraverso esperienze antiche e moderne che per la gran parte sono entrate in crisi. Abbiamo la responsabilità di produrre un cambiamento educativo per noi stessi. Guardare all’educazione dei bambini vuol dire operare, attraverso la loro formazione, anche la nostra trasformazione. Nei primi quindici anni di vita si forma l’orientamento dell’individuo verso se stesso e verso la società. Quindi la concezione, teorica e pratica, di una nuova società può essere totalmente concentrata in questi quindici anni.
  • 4. Questo mi fa pensare che con un adeguato lavoro con i bambini il cambiamento della società può avvenire in tempi molto rapidi.M.Pistoletto
  • 5.  
  • 6.  
  • 7. uffici
  • 8. Produrre una trasformazione sociale e responsabile della società attraverso idee e progetti creativi
  • 9. educazione attiva e integrata nella società
  • 10. workshop e visite per le scuole
  • 11.  
  • 12. COSA SONO I BLOXES? I Bloxes sono elementi modulari costruiti con un sistema di inter-bloccaggio di fogli di cartone ondulato, piegati assieme. COSA SI PUO’ FAR CON I BLOXES? I Bloxes possono essere assemblati tra loro su tutti e sei i lati. In questo modo è possibile costruire pareti, sedie, tavoli ... QUALE FUNZIONE EDUCATIVA? I Bloxes sono un materiale che è preparato in modo scientifico per stimolare il ragionamento logico e la sua applicazione. Con i Bloxes si stimola il senso del volume, degli incastri, della progettazione, del lavoro individuale e collettivo. Con l’assemblaggio dei bloxes è possibile realizzare le più diverse forme, stimolando la percezione e la visione di chi li fruisce
  • 13.  
  • 14.  
  • 15.  
  • 16.  
  • 17. Associazionedidee e l’ufficio educazione annualmente partecipano a festival ed eventi nazionali ed internazionali: organizzando seminari sull’educazione all’arte, realizzando laboratori sulla trasformazione sociale responsabile e producendo installazioni con scuole, famiglie e visitatorifestival ed eventi
  • 18.  
  • 19. scuola
  • 20. La scuola libera Montessori La scuola libera Montessori-Cittadellarte è intesa come una comunità di bambini e adulti dove si lavora in piena autonomia per lo sviluppo psico-fisico dell’individuo. Inoltre è attivo il centro studi parentale che svolge azioni di consulenza e formazione alle coppie.
  • 21.  
  • 22.  
  • 23.  
  • 24. I corsi di musica suzuki si rivolgono a bambini a partire dai tre ai cinque anni di età. La metodologia si fonda sul presupposto che la musica, in quanto linguaggio, possa essere appresa durante l’infanzia in maniera semplice e spontanea. I corsi si articolano in un primo anno propedeutico di lezioni di ritmica, a cui deve partecipare anche un genitore, e di successivi corsi di strumento, che portano alla costituzione di orchestre di bambini già a partire dai sei anni. Suzuki music coursesscuola di musica per bambini Suzuki
  • 25. accessibilità
  • 26. CONTESTO Nella provincia di Biella vivono circa 500 persone con problemi di udito. L’associazione Vedo Voci rappresenta 27 famiglie di bambini e ragazzi sordi che partecipano alla sperimentazione dell’insegnamento integrato di Lingua dei Segni (Lis) ed italiano di Cossato. Ogni anno 125 bambini udenti apprendono la Lis in questa scuola. Anche in questo contesto d’eccellenza le limitazioni alla conoscenza dell’arte, mediata dalla comunicazione verbale, discriminano l’educazione dei giovani sordi, limitando la qualità della loro partecipazione alla società civile.
  • 27. Dal 2009 presso gli spazi di Associazionedidee hanno sede i corsi di L.I.S. (lingua italiana segni) dell’E.N.S.(Ente Nazionale Sordi) di Biella. Ai corsi prendono parte le guide e i formatori del dipartimento educativo di Cittadellarte. corsi di Lis
  • 28. Arte In Segni è finalizzato a sviluppare un modello interattivo di accesso dei sordi alla fruizione delle arti visive.Arte In Segni
  • 29. beneficiari e artefici del progetto sono i giovani sordi e udenti, prossimi al lavoro, provenienti dalla scuola sperimentale di Cossato, Biella.Il progetto è volto a realizzare un catalogo interattivo multimediale bilingue, italiano-Lis, di opere di Michelangelo Pistoletto. Il modello, scaricabile e utilizzabile su videotelefonini e netbook, si propone come esempio editoriale di superamento delle barriere linguistiche nell’accesso all’arte.
  • 30. formazione
  • 31. In collaborazione con l’Opera Nazionale Montessori organizziamo corsi di specializzazione nel metodo Montessori per educatori di prima infanzia (0-3 anni)e di differenziazione didattica per gli insegnanti di scuole d’infanzia (3-6 anni). corsi di formazione nel metodo montessori
  • 32.  
  • 33.
    • UNIDEE educational
    • Promosso da Cittadellarte, Associazionedidee, Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d’arte contemporanea, UNIDEE educational forma figure professionali di educatori per il sistema museale artistico-culturale. Il corso evidenzia i processi che conducono alla creazione di un’offerta didattica mirata e trasferiscono metodologie di lavoro per la costruzione di progetti educativi, per la gestione di strutture educative autonome o a servizio di istituzioni già esistenti. Le lezioni teoriche in aula (tenute da esperti internazionali) sono alternate a momenti di esercitazioni pratiche.
  • 34. Argomenti del corso:- i rapporti tra pedagogia e arte del XX e del XXI secolo- la funzione educativa del museo- la trasformazione sociale responsabile attraverso l’arte- le teorie dell’apprendimento e della percezione- analisi dell’opera d’arte- spazi e ambienti didattici- organizzazione dell’impresa culturale- networking e comunicazione del progetto educativo- budgeting e fund raising
  • 35. Berth Theis, presentazione di Isola Art Center
  • 36.  
  • 37.  
  • 38. HANDS ON!
  • 39. è una residenza internazionale promossa in collaborazione con la rete museale di Hands on! Europe, nata con l’obiettivo di specializzare educational manager che già lavorano nel campo dei servizi educativi di musei o istituzioni culturaliHANDS ON!EDUCATIONAL TRAINING COURSE
  • 40.  
  • 41.  
  • 42. IL RUOLO EDUCATIVO DELL’ARTE CONTEMPORANEA E GLI OPERATORI DI SETTORE: ART MEDIATORS, EDUCATORI MUSEALI ED EDUCATIONAL MANAGER
  • 43. Responsabilità, ambiti e compiti L’educatore museale realizza gli interventi educativi programmati dal museo adeguandoli alle caratteristiche e alle esigenze dei diversi destinatari. In particolare: - conduceattività epercorsie predisponelaboratoriin relazione allecollezionipermanenti e alle esposizioni temporanee - partecipa a gruppi diricercaper la realizzazione di attività educative - collabora allaprogettazionedelle iniziative educative e di progetti innovativi - collabora alla realizzazione ditesti e materialispecifici per l’ambito di competenza - concorre allo sviluppo dei servizi educativi , segnalando esigenze e problematiche, e proponendo nuove iniziative - predispone gli spazie la strumentazione assegnata, nell’ambito di sua competenza, di cui è responsabile - collabora alla definizione di modalità e alla predisposizione di strumenti per ladocumentazione , - l’accertamento del gradimento, laverificae la valutazione delle attività educative realizzate. educatore museale
  • 44. Requisitiper l’accesso all’incarico  laurea triennale secondo l’ordinamento attuale o diploma di laurea secondo il vecchio ordinamento in discipline attinenti il museo  corsi di formazione e/o master relativi alla pedagogia del patrimonio culturale  conoscenza almeno della linguainglese . Modalità di incarico L’incarico deve essere formalizzato con atto che specifichi funzioni e responsabilità. Si raccomanda che l’incarico preveda una continuità tale da permettere il completamento dei progetti inseriti nella programmazione del museo.È figura che può essere condivisa da più musei in gestione associata . Fonte: La carta nazionale delle professioni museali - Milano, 24 ottobre 2005
  • 45. Fare “mediazione d’arte” non vuol dire unicamente trasmettere informazioni e conoscenze riguardo gli artisti, le opere, le sedi ma anche creare occasioni per discutere e interagire con l’arte. L’informazione in quanto tale non è l’obiettivo finale; non vogliamo ridurre il ruolo dei visitatori a quello di semplici spettatori di un monologo. Con l’aiuto delle informazioni fornite durante gli incontri e quelle che già fanno parte del bagaglio personale del visitatore, ci proponiamo distimolare il dialogo, di incoraggiare e favorire i visitatori ad elaborare ed esprimere una propria e motivata opinione riguardo l’arte contemporanea ed il suo ruolo nella società . In questo senso ci proponiamo di facilitare la partecipazione mentale, fisica ed emotiva del pubblico in modo diretto epersonale piuttosto che come semplice spettatore.ART MEDIATOR Fonte: Manifesta7 2008
  • 46. educazione attiva e integrata nella società
  • 47. Ruggero Poi Ufficio Educazione [email_address] ittadellarte.it www.cittad ellarte.it contatti:
  • Fly UP